Winona Ryder, star di Stranger Things: “Quando mi chiamarono fro***”

di

Anni dopo, quando era già famosa, incontrò una di quelle che l'avevano picchiata: le aveva chiesto un autografo.

8361 1

Rilanciata in grande stile dall’imprevisto successo della serie Stranger Things, Winona Ryder è sempre più sulla cresta dell’onda. E proprio in queste ore, a distanza di quasi vent’anni dalla pubblicazione, stanno facendo il giro della rete alcuni aneddoti relativi alla sua adolescenza.

Il libro, Winona Ryder: The Biography, è stato scritto da Nigel Goodall e svela aneddoti privati legati alla vita della star e musa di Tim Burton, recentemente premiata con il suo primo Screen Actors Guild Award grazie al ruolo nella sopracitata serie tv.

Tra gli episodi raccontati non mancano i ricordi legati ad atti di bullismo e omofobia subiti. La Ryder era solita portare capelli corti e abiti tradizionalmente maschili: “Indossavo un completo da maschio comprato in un negozio Salvation Army. Stavo andando in bagno quando sentii delle voci che mi urlavano contro fro***. Mi hanno sbattuto la testa contro un armadietto. Sono caduta a terra e hanno continuato a darmi dei calci. Sono serviti dei punti di sutura” ricorda.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...