Agriturismo veneto celebra l’addio ad un cliente omofobo che aveva insultato Cristiano Malgioglio

di

Girato in un agriturismo veneto, l'ultimo video di Cristiano Malgioglio ha scatenato l'omofobia di un cliente. Felicemente salutato dal proprietario.

CONDIVIDI
662 Condivisioni Facebook 662 Twitter Google WhatsApp
21818 0

Arriva da Schio, comune della provincia di Vicenza in Veneto, l’ultima storia di gratuita omofobia all’italiana.

L’agriturismo Podere La Torre pubblica sulla propria pagina Facebook il nuovo video di Cristiano Malgioglio, Sonohos, girato proprio all’interno del resort. Nulla di epocale se non fosse che un cliente storca la bocca, commentando volgarmente.

Ma non ce ne sono altri personaggio proprio un RECCHIONE sono un ecc cliente da questo momento‘, le sue sgrammaticate parole. Esternazione che non va giù all’imprenditore Paolo Trentin, pronto nella replica pubblicata sulla pagina social del locale.

«Riteniamo che la sua affermazione sia completamente contraria ai principi di uguaglianza tra gli individui che il Podere sostiene quotidianamente. Il tono avvertito nelle parole da lei usate oltre a offendere i diritti e la dignità umana è fortemente osteggiato da tutti noi che ci consideriamo uguali sia in termini di razza, fede religiosa ed orientamento sessuale. Quindi, non solo siamo piacevolmente soddisfatti che lei non voglia più far parte dei nostri clienti ma anticipiamo anche che l’artista, nonché importante e famoso cantuatore, sarà nuovamente ospite della nostra struttura».

Accusato di aver difeso Malgioglio perché in realtà omosessuale, lo stesso imprenditore ha poi così continuato, come riportato da IlGiornlediVicenza: «Qui non si tollerano discriminazioni ma di me stanno dicendo che sono fuggito in Africa con un cuoco quando ero via con mia moglie, che vivo con un dipendente e altre falsità che fanno male a me e alla mia famiglia». Da parte di Malgioglio, per ora, nessuna replica.


Leggi   Tutti a lezione di omosessualità dal GF, per non essere "gay eccessivi"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...