Ballerini e bullismo: la storia di Sean Varner

di

Il video è parte di "Outside the Box", serie che racconta le storie di giovani e giovanissimi ragazzi/e che combattono gli stereotipi di genere della società con le...

1986 0

All’interno della sua News Hour, la PBS (rete americana) lancia “Outside the Box“, una serie che racconta le storie di giovani e giovanissimi ragazzi/e che combattono gli stereotipi di genere della società con le loro scelte di vita.

In questa puntata si parla di Sean Varner, un giovane ballerino con un’esperienza di 8 anni alle spalle e una grande varietà di stili: jazz, tip tap, danza classica, moderno e contemporaneo. Al proposito, Sean Varner racconta:

Quando ho cominciato a ballare avevo paura di dirlo alla gente. Alcuni non erano d’accordo o non l’accettavano…e molti ragazzi non reagivano bene. Mi prendevano in giro, continuamente. In genere la gente dice che è “da donne” o che è troppo femminile e che la danza non è un vero sport.

Sean ama danzare, anche se la danza è spesso causa di ansia, perchè spesso gli porta attenzioni che non vuole ricevere…ma viene ripagato dall’atto in sè della danza, che lo inebria, e il padre lo sostiene a spada tratta, e gli infonde fiducia.

In USA i gay hanno ottenuti grandi vittorie con i diritti umani e civili, eppure c’è ancora gente che si ferma a giudicare una persona per uno sport che sceglie d’intraprendere. E’ triste, incomprensibile, ma è proprio cosi.

E in Italia? Che esperienze avete avuto voi?

Leggi   Stati Uniti, il ministro della Giustizia: “La legge sui diritti civili non prevede protezione per le persone LGBT”
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...