Pussy Riot vs Putin e sistema giudiziario russo in “CHAIKA”

di

Le Pussy Riot sono tornate ancora più agguerrite! In "CHAIKA" chiedono immediata indagine contro procuratore generale russo e suo staff.

1368 0

Le Pussy Riot sono tornate e ancora più agguerrite di prima. Non intendono assolutamente smettere di criticare la Russia (per migliorarla) nè tanto meno smettere di lottare per i diritti LGBT nel loro Paese, che le ha punite con l’arresto nel 2012 per le loro idee “rivoluzionarie” (quanto meno in Russia).

Pussy_riot_chaika

In questo nuovo video, “CHAIKA“, le Pussy Riot condannano il sistema giudiziario della Russia, in particolare scagliandosi contro il Presidente della Nazione, Vladimir Putin e il generale omonimo al titolo del pezzo. Il video prende in giro il pattriottismo russo, il sistema giudiziario (appunto) e le religioni organizzate e Putin stesso. La leader della pop punk band, Nadya Tolokonnikova, interpreta “Chaika“, procuratore generale russo che a quanto pare è corrotto ed indagato per omicidio (assieme a tutto il suo staff).

Pussy_riot_chaika

Le Pussy Riot hanno dichiarato in un comunciato stampa:

Chiediamo un’immediata indagine contro il procuratore generale Chaika e la sua famiglia, oltre che contro tutti i più alti funzionari del suo ufficio. Speriamo che il video di “CHAIKA” faccia capire alle persone che non si può vivere in un Paese in cui il funzionario legislativo di grado più alto è il simbolo più chiaro di corruzione e omicidio! Speriamo che la gente ci aiuti a trasformare la Russia in uno Stato in cui personaggi come Chaika non debbano più esistere.

Nadya Tolokonnikova si è chiesta se i suoi co-prigionieri avrebbero capito il messaggio del nuovo video e si è risposta che “si, l’avrebbero capito” e commenta:

Credo che il metodo del punk sia di creare qualcosa d’inaspettato. Se questo succede, vuol dire che siamo tutti “punk”. L’unica cosa che non può cambiare del metodo “punk” è la voglia e il desiderio di trasformare la politica sociale e culturale in qualcosa di migliore, evoluto. E molte volte devi trasformare il tuo stesso metodo in qualcosa di più efficace, per non rimanere indietro e “stagnante”.

PUSSY_RIOT

Parole in relazione ad un più accurato sound e presentazione di loro stesse, a quasi 5 anni dalle loro storiche ed epiche proteste.

Guardate il video di “CHAIKA” (sottotitolato in Inglese).

 

Leggi   Il giornalista e attivista LGBT Ali Feruz tenta il suicidio: "Non voglio tornare in Uzbekistan"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...