Come nostro solito fare abbiamo cercato un altro personaggio che ci donasse un autografo da mettere all'asta per combattere la violenza contro le donne. Questa sera abbiamo incontrato RIHANNA mentre entrava e usciva da un noto ristorante milanese e le abbiamo chiesto di firmarci il suo disco originale per beneficenza (come si sente nel video). Scortata da diverse guardie, Rihanna ha preferito allontanarsi di fretta, tornando sull'auto, dalla quale poco prima è uscita un'incredibile puzza di fumo (che a noi non sembrava proprio fosse di sigaretta) snobbando noi e la causa. Purtroppo il video si interrompe quando attraverso il vetro (con inglese maccheronico e del quale ci scusiamo) le diciamo di fare un solo autografo contro la violenza sulle donne. Lei abbassa la testa guardando lo schermo del cellulare e la macchina riparte. Crediamo che un personaggio pubblico debba rispetto e gratitudine soprattutto ai propri fan, che spendono soldi tra concerti e cd (spesso con sacrificio) e che permettono a loro di girare il mondo, di alloggiare in hotel di lusso o di avere ville da milioni di dollari. Non è una questione di soldi, è una questione di rispetto nei confronti di chi permette a questi personaggi lussi e comfort di ogni genere. Sarebbe bastato allungare il braccio, rilasciare un autografo per beneficenza e magari esclamare un "Thank You!". Un gesto così semplice avrebbe aiutato davvero chi in questo momento ha bisogno di aiuto. Peccato! Ah Rihanna, ci siamo dimenticati di restituirti il disco, te lo abbiamo lasciato nel cestino davanti al ristorante dove hai speso qualche centinaio di euro. In bocca al lupo.. di questo passo andrai alla grande! #rihanna #milano #rihannamilano #pauboys

Pubblicato da PauBoys su Martedì 12 luglio 2016

Milano: chiedono a Rihanna un autografo per beneficenza. Lei rifiuta

di

Raggiunta all'uscita di un noto ristorante milanese la popstar non ha esaudito la richiesta di due ragazzi che raccolgono autografi di personaggi famosi contro la violenza sulle donne.

CONDIVIDI
13 Condivisioni Facebook 13 Twitter Google WhatsApp
4522 0

Sul web impazza il caso di Rihanna che rifiuta un autografo di beneficenza. Responsabili della cattiva pubblicità alla regina delle Barbados sono i PauBoys, ovvero Andrea e Francesco, due giovani ragazzi appassionati di musica e da sempre fan di Laura Pausini, che raccolgono autografi di personaggi famosi per White Mathilda, un’associazione di strada, nata per aiutare a combattere la violenza di genere, soprattutto contro le donne.

Schermata 2016-07-13 alle 14.15.57

Ieri sera i due hanno intercettato Rihanna mentre usciva da un noto ristorante milanese e le hanno chiesto di firmare il suo disco appunto com’è loro prassi, per sostenere le attività benefiche per cui si spendono. Scortata alla grande da diverse guardie, Rihanna si allontana di fretta, tornando sull’auto, “dalla quale poco prima è uscita un’incredibile puzza di fumo (che a noi non sembrava proprio fosse di sigaretta) snobbando noi e la causa”, riferiscono i due, forse con un po’ di rancore.

Attraverso il vetro, a quel punto, Andrea e Francesco le hanno chiesto un solo autografo contro la violenza sulle donne. Lei ha abbassato la testa, guardando lo schermo del cellulare, senza dire nulla e la macchina è ripartita. 

“Crediamo che un personaggio pubblico debba rispetto e gratitudine soprattutto ai propri fan, che spendono soldi tra concerti e cd (spesso con sacrificio) e che permettono a loro di girare il mondo, di alloggiare in hotel di lusso o di avere ville da milioni di dollari (…). Sarebbe bastato allungare il braccio, rilasciare un autografo per beneficenza e magari esclamare un “Thank You!”.

Capiamo la delusione dei due, ma si può anche capire che la situazione non fosse il momento migliore per chiederle questo contributo importante.

Speriamo che Andrea e Francesco provino presto a contattare Rihanna, magari attraverso altri canali, un po’ meno d’assalto. Siamo sicuri, date le abitudini di Riri, che questo autografo arriverà.

Leggi   George Quaintance, a Milano la prima mostra italiana del pioniere dell’estetica gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...