Il tempo è scaduto, dopo 10 anni basta prese in giro! L'intervento di Stefano Bucaioni in risposta a Donatella Porzi, Presidente del Consiglio Regionale che ha proposto il rinvio della legge contro omotransfobia a data da destinarsi.

Pubblicato da Omphalos LGBTI su Martedì 14 marzo 2017

Proteste a Perugia: ennesimo rinvio per la legge regionale contro l’omofobia

di

Da dieci anni il provvedimento aspetta di essere discusso.

CONDIVIDI
33 Condivisioni Facebook 33 Twitter Google WhatsApp
3153 0

Ci risiamo: la legge regionale umbra contro omofobia e transfobia – che sembrava finalmente essere arrivata al momento del voto in aula – è stata nuovamente bloccata. L’associazione Omphalos LGBTI di Perugia ha quindi organizzato un presidio davanti alla sede del consiglio regionale dell’Umbria per la mancata discussione in aula, prevista per oggi, della legge.

Da dieci anni il provvedimento aspetta di essere discusso: recentemente, dopo essere stato approvato otto mesi fa dalla commissione, sembrava essere arrivato il fatidico momento del voto in aula. A causa di un vizio procedurale – è scaduta la copertura finanziaria – l’iter è stato nuovamente bloccato. Secondo l’associazione Omphalos è chiara la mancanza di volontà politica.

Stamattina più di cinquanta attivisti si sono dati appuntamento presso il consiglio regionale per chiedere che la legge venisse discussa e una delegazione di Omphalos è riuscita ad ottenere un incontro con la presidente dell’assemblea legislativa Porzi.

Nel video l’intervento del presidente di Omphalos, Stefano Bucaioni, durante la riunione di oggi. La maggioranza si è impegnata a riportare la legge in consiglio la settimana prossima.

http://www.gay.it/attualita/news/umbria-voto-legge-omofobia-<a href="http://www.gay.it/tag/transfobia">transfobia</a>?from=widget-no-title

Leggi   Stati Uniti, Dipartimento di Giustizia cerca di nascondere i crimini d'odio contro i giovani LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...