Roma, il padre del gay aggredito: approvare legge omofobia

di

Al Tg3 l'appello al Presidente del Consiglio del padre del ragazzo ferito a Roma affinché approvi presto una legge contro l'omofobia. "Mio figlio era a letto e l'aggressore...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1067 0

La vicenda del ragazzo gay aggredito nelle vie di Trastevere la notte del 28 dicembre scorso fa chiedere al padre che gli venga camuffata la voce e secretata l’identità. Perché non si ripeta un simile episodio nei confronti del figlio. E perché non accada mai più un simile episodio per nessun altro ragazzo gay la richiesta è anche un’altra: approvare una legge contro l’omofobia. L’appello, rivolto direttamente al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, arriva per mezzo dei microfoni del Tg3.
"Faccio appello alle istituzioni, in questo caso a Berlusconi, affinché firmi un decreto al più presto per una legge contro l’omofobia", ha detto il padre della vittima. "Non è possibile che abbia festeggiato il 31 dicembre mentre mio figlio stava male a casa". L’aggressore, identificato e denunciato, è stato messo a piede libero in quanto incensurato.
Ecco il video del servizio:

Leggi   Tutti a lezione di omosessualità dal GF, per non essere "gay eccessivi"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...