video hot gallery forum annunci guida mgi14 incontri CHAT! G&T WEBSERIE
TEMI: Bonazzi Omofobia Coming out Sport Cinema Gossip James Franco Discriminazioni Eterosessuali

Perché i gay dovrebbero votare PD?


di

  Perché i gay dovrebbero votare PD?

La domanda è il pretesto per i rappresentanti lgbt del Partito Democratico di motivare come e perché è utile che il voto gay venga dato al partito di Walter Veltroni.

Con una lettera aperta dalle pagine del quotidiano L'Unità, i rappresentanti gay del partito Democratico si chiedono - e offrono anche una risposta - «Perché una lesbica o un gay dovrebbe votare il Pd alle prossime elezioni politiche?»


«Tanti cittadini omosessuali vorrebbero svegliarsi il 14 aprile prossimo - scrivono i "mittenti" della lettera - e poter dire che sì, "Si può fare": si può uscire dalla paura, dalla non accettazione sociale, si possono avere diritti come tutti gli altri. Anche noi omosessuali vorremmo camminare verso una "nuova Italia" da protagonisti. Perché noi, anche se non siamo stati citati siamo parte importante di quella Italia a cui Veltroni ha parlato nel suo discorso di Spello. Perché la nostra battaglia è la battaglia di tutti, perché i nostri diritti aggiungono civiltà, rendono un Paese migliore, quel Paese in cui tutti vorremmo vivere. E allora, non solo "Si può fare" ma "Si deve fare".»


La presenza di gay e lesbiche all'interno del partito di Walter Veltroni «ci ha consentito di raggiungere risultati importanti e significativi.La presenza di gay e lesbiche all'interno del partito di Walter Veltroni «ci ha consentito di raggiungere risultati importanti e significativi. Nel Manifesto dei Valori dopo una lunga ed accesa discussione, la famiglia è stata declinata al plurale: si afferma, infatti, che "le famiglie, nella loro concreta condizione, sono destinatarie e protagoniste delle politiche sociali". Nello stesso documento si auspica che siano "riconosciuti e disciplinati per legge i diritti e doveri delle persone conviventi in unioni di fatto" e che si elimini "ogni discriminazione e violenza per motivi di appartenenze razziali e sociali, di schieramento politico e culturale, di religione, di genere e di orientamento sessuale". Nello Statuto nazionale - proseguono i rappresntanti del PD - si afferma che il Pd "si impegna a rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla piena partecipazione politica di tutti i cittadini ed in particolare di coloro che per motivi legati al genere, all’origine etnica, alla propria religione o alle proprie convinzioni personali, alle disabilità, all’età o all’orientamento sessuale incontrano i maggiori ostacoli nell’accesso alla vita politica"».


Votare per i gay e le lebsiche del Partito Democratico «serve soprattutto perché questa battaglia possa camminare anche sulle gambe di deputati e senatori dichiaratamente omosessuali che possano lavorare dall’interno delle istituzioni per costruire le mediazioni più avanzate, recuperando un rapporto e un dialogo profondo con quel grande e gioioso movimento che in gran parte ora sta fuori da qui. Perché è del tutto evidente che un partito che si definisce "a vocazione maggioritaria" ha bisogno di rappresentare la società italiana in tutti i suoi segmenti sociali, compresi quelli più scomodi, superando imbarazzi e reticenze.».


«Walter Veltroni - concludono i rappresentanti - in questi giorni ha proposto lo slogan della campagna elettorale, ispirandosi a Barack Obama "We can" cioè "Si può fare". È uno slogan che punta a trasmettere fiducia e speranza ad una società che vuole cambiare, rompere col passato e guardare con maggiore fiducia al futuro. A condizione però che sappia parlare a tutta la società, senza dimenticare nessuno.»


L'appello al voto gay per il partito Democratico è firmato da Marco Volante, Andrea Benedino, Anna Paola Concia, Cristiana Alicata, Carmen Antonino, Andrea Ambrogetti, Simone Acquino, Fabio Astrobello, Alessandro Bandoni, Simone Barbieri, Riccardo Camilleri, Alfredo Capuano, Maurizio Caserta, Matteo Cavalieri, Nicola Cicchitti, Enrico Fusco, Veniero Fusco, Daniele Garuti, Carlo Guarino, Nunzio Liso, Sergio Lo Giudice, Enrico Pizza, Carlo Santacroce, Ivan Scalfarotto, Ivan Scanavini, Ennio Trinelli, Carmine Urciuoli.

Gli ultimi interventi su questo argomento da Facebook:

Gli ultimi interventi su questo argomento dal Forum:

Maschioroma
Alle prossime elezioni bisogna decidere se il proprio voto debba essere un voto utile, al Partito Democratico, che permetta di sconfiggere la destra clerico-fascista-omofoba, oppure un voto indiviualista, che gratifichi la propria coscenza, votando Boselli o Bertinotti, fregandosene che sia un voto perso, che non porterà a nessun risultato concreto peri gay e che permetterà a berlusconi di vincere.
più di un anno fa
Ospite
il mio voto non va nè ai cattolici nè ai fascisti...ma nemmeno ai centristi...
più di un anno fa
YOCCI
Caro "Cosa", forse ti è sfuggito un piccolo grande particolare.....l'unico zapatero che abbiamo nel panorama politico italiano è Enrico Boselli. Poco importa che Boselli guidi il Partito Socialista (che non è più il "garofano" di Bettino Craxi comunque per intenderci..). Ciò che a noi gay deve interessare è che purtroppo o per fortuna Boselli è l'unico politico italiano liberista e anticlericale il cui pensiero si avvicina di più a quello di Zapatero. E quindi il voto a Boselli va dato indipendentemente dal credo politico ed è trans-ideologico. Se ce lo perdiamo, non ci sarà nessun altro politico italiano che ragiona come Zapatero. Io spero che questo vi sia ben chiaro...... Quindi al bando ironia fuori luogo, cinismo, masochismo, vittimismo, sfiducia. Non sono ammessi errori, sottovalutazioni o irresponssabilità. La situazione è grave: l'omofobia dilaga sempre più in Italia e urge quindi dare un voto fortemente "LAICO" e "anticattolico". NOI ADERENTI ALLA C.I.O.P.C.C.A. PROPONIAMO UFFICIALMENTE ALLA CANDIDATURA A SINDACO DI ROMA LA DOTTORESSA TIGRESA ZOBEIDE D'ANVERSA PONTORNO VEDOVA CAPRAROLA. DI SEGUITO ALCUNE DICHIARAZIONI DI SUOI AMMIRATORI CHE VI AIUTERANNO A CONOSCERLA MEGLIO: "Tigresa nasce nel settembre 1976 in un piccolo ospedale alle pendici del vulcano sull'isola di Stromboli. Legenda vuole che al suo nascere i dottori facessero fatica a sculacciarla e a nascondere il loro turbamento alla vista del culo di quell'esserino si indifeso, ma già palesemente cosciente di avere una missione: essere puttana!" Randy Carmichael - 37 anni (suo biografo ufficiale) "Tigressa?? 'a regà e chissela scorda quella zozza!! un prodiggio d'a natura! a 'mme e all'amici mia ch'a sempre fatto divertì co' quei rigatoni...certi bocchini cor risucchio ahoahoahaoa!!! mortaccisua!!! a Tigrè richiamece t'o famo vedè noj er paradiso!!!!(urla di approvazione)" (Peppe, 19 anni-componente di una comitiva di sedici amici residenti nel quartiere romano Laurentino 3 "Le labbra di Tigresa...oooh yeah! le ricordo setate come due chiappe di culo da sballo, ficcarglielo in bocca è stato emozionante quasi quanto il momento in cui è riuscita a farmi eiaculare canticchiando Arie liriche di vittoria, e altre tzigane. L'avrei ascoltata ore cantare, ma la sua atavica fame di cazzo troppo spesso le imponeva di gettarsi a capofitto con la lingua sul mio pesce - quasi divenni geloso poi, nel constatare quale intimità intercorresse tra la mia cappella e la sua bocca da zoccolona D.O.C. - mi ha sempre dato l'impressione, in quei momenti, che il resto del mio corpo contasse ben poco per lei. Non posso comunque non sottolineare la sua onestà e il suo impegno a far si che, io e talvolta altri amici casualmente venuti a trovarmi alla stazione di servizio, fossimo pienamente serviti e svuotati da ogni stress. 'A Tigrè torna quà presto che te rifaccio er pieno aggratise!!" Giuseppe, 23 anni (benzinaio autogrill Via Salaria) "Il suo profondo rispetto e la sua gratitudine nei confronti del genere umano maschile sono palesemente visibili ad ogni sua prestazione orale - quando Tigresa succhia, sembra quasi stabilire con il cazzo una relazione d'amore profonda e genuina, come se il resto del maschio diventasse un'entità a sé, scissa da ciò che per forza maggiore considera più prezioso. E' questa la sua forza e il suo talento, ed io posso ben dirlo...!" Carmelo (22 anni - carabiniere) "Tigresa per me è diventata una ossessione, quelle sue labbra bollenti, i suoi gemiti al buio, il suo culo... e che culo signori! un'acquasantiera! una fonte inesauribile di piacere, un vero e proprio astuccio extralusso per quei rari cazzi meritevoli di una perenne esposizione, quella tipologia di cazzi che Tigresa fiuta a distanza! che fenomeno, altro che Fiorina la Vacca! - fosse per me già le avrei assegnato il programma di punta della Tv in cui lavoro, e non escludo che lei riesca a convincere i responsabili di settore riguardo le sue innate capacità artistiche" (Mons.Daniel Cohen 47 anni - amm. delegato RadioTv Vaticana) PER ULTERIORI INFORMAZIONI FATE RIFERIMENTO AL SITO: WWW.TIGRESAZOBEIDEDANVERSAPONTORNOVEDOV ... OAROMA.COM
più di un anno fa
Actarus
Caro "Cosa", forse ti è sfuggito un piccolo grande particolare.....l'unico zapatero che abbiamo nel panorama politico italiano è Enrico Boselli. Poco importa che Boselli guidi il Partito Socialista (che non è più il "garofano" di Bettino Craxi comunque per intenderci..). Ciò che a noi gay deve interessare è che purtroppo o per fortuna Boselli è l'unico politico italiano liberista e anticlericale il cui pensiero si avvicina di più a quello di Zapatero. E quindi il voto a Boselli va dato indipendentemente dal credo politico ed è trans-ideologico. Se ce lo perdiamo, non ci sarà nessun altro politico italiano che ragiona come Zapatero. Io spero che questo vi sia ben chiaro...... Quindi al bando ironia fuori luogo, cinismo, masochismo, vittimismo, sfiducia. Non sono ammessi errori, sottovalutazioni o irresponssabilità. La situazione è grave: l'omofobia dilaga sempre più in Italia e urge quindi dare un voto fortemente "LAICO" e "anticattolico".
più di un anno fa
Ospite
Roma, Rutelli si candida sindaco Antinucci: tra Rutelli e Ferrara metteremo Grillini "Come per il Parlamento anche per Roma i socialisti non mancheranno all'appuntamento elettorale presentando il loro simbolo e la loro lista". È quanto afferma Rapisardo Antinucci, parlamentare romano del Partito socialista. "Nello scontro per il sindaco della capitale, così come si sta profilando - aggiunge Antinucci - penso che sarebbe giusto dare ai romani la possibilità di poter votare per un candidato che sia veramente in grado di rappresentare i valori del socialismo riformista, laico e libertario che altrimenti non troverebbero voce. Per questo, tra Rutelli e Ferrara, noi socialisti - conclude Antinucci - ci vedremmo bene come candidato a Sindaco, Franco Grillini". Grillini: per un laico è invotabile "Ma perché un laico dovrebbe votare per Rutelli a Sindaco di Roma? Per il Rutelli che ha ritirato il patrocinio del Comune al World pride, per il Rutelli che ha candidato e fatto eleggere la signora del cilicio che ha votato contro il proprio governo negando al fiducia sull'antiomofobia e ha definito i gay come devianti, per il Rutelli della legge 40. Rutelli per un laico è invotabile". Lo afferma il deputato socialista Franco Grillini commentando la candidatura di Francesco Rutelli a sindaco di Roma. "E non ci si dica - ha proseguito Grillini - che è meglio Rutelli della destra perché onestamente non capiamo dove stia la differenza. Roma non deve e non può diventare una dittatura clericale. Occorre che nasca un polo laico, socialista, liberale, radicale, libertario che si opponga alle 'destre' romane che si confrontano per il Campidoglio. Occorre dimostrare che Roma non è papalina e baciapile. Occorre - ha concluso - far capire che Roma non può diventare come Riad o come Teheran dove domina la sharia. La riscossa laica deve partire anche da Roma".
più di un anno fa
Cosa?
Ma qualcuno in questo forum OSA SOSTENERE I SOCIALISTI?!?!! QUEI 3 COGLIONI CHE OGNI TANTO CERCANO DI RIUNORSI E SI PIGLIANO A SEDIATE!!!! NON CI CREDO PUAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
più di un anno fa
scrubs
Basta vedere l'UDEIR col suo 1 virgola qualcosa. La legge elettorale è rimasta la stessa perciò la situazione sarà tale quale sia che vinca il PDL o il PD. E' per questo che sono già d'accordo per la grande coalizione. Hanno scaricato i piccoli partiti per questo.
più di un anno fa
Giu_82

Giu_82

32 anni

Palermo

aleics

aleics

49 anni

Desenzano del Garda

valee

valee

25 anni

Lecce

Stefanostarroad

Stefanostarroad

31 anni

Parma

hrgp

hrgp

32 anni

Milano

lubis

lubis

54 anni

Cantello

adriano82

adriano82

32 anni

Cernusco sul Naviglio

enrico

enrico

37 anni

Pisa

angelosenzali

angelosenzali

52 anni

Mesagne

gb90

gb90

26 anni

Lugano

italianboy90

italianboy90

24 anni

cris_85

cris_85

29 anni

Novate Milanese

turtle86

turtle86

28 anni

Vigevano