• Donne Picchiate e lasciate incoscienti a terra solo perc..
  • Attualità L'Isis minaccia di lanciare i gay dalla "torre pen..
  • Attualità Maestre di una scuola romana invitano le famiglie ..
  • video Isola dei Famosi: Valerio Scanu e le sue imperdibi..
  • gallery La Manif Pour Tous infesta piazza dei Miracoli a P..
  • blog Masterchef 4: come cucinare con 5 euro senza compr..

Perché i gay dovrebbero votare PD?


di

  Perché i gay dovrebbero votare PD?

La domanda è il pretesto per i rappresentanti lgbt del Partito Democratico di motivare come e perché è utile che il voto gay venga dato al partito di Walter Veltroni.

Con una lettera aperta dalle pagine del quotidiano L'Unità, i rappresentanti gay del partito Democratico si chiedono - e offrono anche una risposta - «Perché una lesbica o un gay dovrebbe votare il Pd alle prossime elezioni politiche?»


«Tanti cittadini omosessuali vorrebbero svegliarsi il 14 aprile prossimo - scrivono i "mittenti" della lettera - e poter dire che sì, "Si può fare": si può uscire dalla paura, dalla non accettazione sociale, si possono avere diritti come tutti gli altri. Anche noi omosessuali vorremmo camminare verso una "nuova Italia" da protagonisti. Perché noi, anche se non siamo stati citati siamo parte importante di quella Italia a cui Veltroni ha parlato nel suo discorso di Spello. Perché la nostra battaglia è la battaglia di tutti, perché i nostri diritti aggiungono civiltà, rendono un Paese migliore, quel Paese in cui tutti vorremmo vivere. E allora, non solo "Si può fare" ma "Si deve fare".»


La presenza di gay e lesbiche all'interno del partito di Walter Veltroni «ci ha consentito di raggiungere risultati importanti e significativi.La presenza di gay e lesbiche all'interno del partito di Walter Veltroni «ci ha consentito di raggiungere risultati importanti e significativi. Nel Manifesto dei Valori dopo una lunga ed accesa discussione, la famiglia è stata declinata al plurale: si afferma, infatti, che "le famiglie, nella loro concreta condizione, sono destinatarie e protagoniste delle politiche sociali". Nello stesso documento si auspica che siano "riconosciuti e disciplinati per legge i diritti e doveri delle persone conviventi in unioni di fatto" e che si elimini "ogni discriminazione e violenza per motivi di appartenenze razziali e sociali, di schieramento politico e culturale, di religione, di genere e di orientamento sessuale". Nello Statuto nazionale - proseguono i rappresntanti del PD - si afferma che il Pd "si impegna a rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla piena partecipazione politica di tutti i cittadini ed in particolare di coloro che per motivi legati al genere, all’origine etnica, alla propria religione o alle proprie convinzioni personali, alle disabilità, all’età o all’orientamento sessuale incontrano i maggiori ostacoli nell’accesso alla vita politica"».


Votare per i gay e le lebsiche del Partito Democratico «serve soprattutto perché questa battaglia possa camminare anche sulle gambe di deputati e senatori dichiaratamente omosessuali che possano lavorare dall’interno delle istituzioni per costruire le mediazioni più avanzate, recuperando un rapporto e un dialogo profondo con quel grande e gioioso movimento che in gran parte ora sta fuori da qui. Perché è del tutto evidente che un partito che si definisce "a vocazione maggioritaria" ha bisogno di rappresentare la società italiana in tutti i suoi segmenti sociali, compresi quelli più scomodi, superando imbarazzi e reticenze.».


«Walter Veltroni - concludono i rappresentanti - in questi giorni ha proposto lo slogan della campagna elettorale, ispirandosi a Barack Obama "We can" cioè "Si può fare". È uno slogan che punta a trasmettere fiducia e speranza ad una società che vuole cambiare, rompere col passato e guardare con maggiore fiducia al futuro. A condizione però che sappia parlare a tutta la società, senza dimenticare nessuno.»


L'appello al voto gay per il partito Democratico è firmato da Marco Volante, Andrea Benedino, Anna Paola Concia, Cristiana Alicata, Carmen Antonino, Andrea Ambrogetti, Simone Acquino, Fabio Astrobello, Alessandro Bandoni, Simone Barbieri, Riccardo Camilleri, Alfredo Capuano, Maurizio Caserta, Matteo Cavalieri, Nicola Cicchitti, Enrico Fusco, Veniero Fusco, Daniele Garuti, Carlo Guarino, Nunzio Liso, Sergio Lo Giudice, Enrico Pizza, Carlo Santacroce, Ivan Scalfarotto, Ivan Scanavini, Ennio Trinelli, Carmine Urciuoli.

Gli ultimi interventi su questo argomento da Facebook:

ISCRIVITI PER CONOSCERE NOTIZIE, EVENTI E NUOVI AMICI DAL MONDO GAY ITALIANO. LASCIA LA TUA EMAIL.

Gianny89

Gianny89

25 anni

Nocera Inferiore

mnbv

mnbv

31 anni

Vigevano

Giu_82

Giu_82

32 anni

Palermo

valee

valee

26 anni

Lecce

lubis

lubis

55 anni

Cantello

gingo899

gingo899

25 anni

Vicenza

sessorale

sessorale

41 anni

Santhià

ReoAttivo

ReoAttivo

39 anni

Roma

angelosenzali

angelosenzali

52 anni

Mesagne

Stefanostarroad

Stefanostarroad

32 anni

Parma

enrico

enrico

37 anni

Livorno

turtle86

turtle86

28 anni

Vigevano

leod73

leod73

41 anni

Lanciano