L'app gay è stata violata. A rischio i dati degli iscritti


  L'app gay è stata violata. A rischio i dati degli iscritti

Grindr, l'applicazione di incontri gay per smartphone, è stata violata martedì. Il fondatore prima smentisce poi è costretto ad ammettere l'intrusione di un hacker. A rischio i dati e le foto.

Grindr, l'app destinata agli incontri gay "è stata attaccata da un hacker di Sydney, compromettendo potenzialmente le chattate private, le foto porno e le uinformazioni private degli utenti". A rivelarlo è il Sydney Morning Herald che ha anche intervistato il fondatore di Grindr.



Joel Simkhai (in foto), inizialmente, ha però smentito che tutto ciò sia avvenuto e, anzi, ha detto che la sua creazione non potrebbe essere più solida di oggi. Solo successivamente ha ammesso che nella giornata di martedì l'app è stata effettivamente violata e le password di accesso degli utenti sono state pubblicate su un sito che adesso risulta offline.


Simkhai ha promesso che in futuro renderà Grindr più sicuro affinché simili episodi non possano più verificarsi.

Gli ultimi interventi su questo argomento da Facebook:

ISCRIVITI PER CONOSCERE NOTIZIE, EVENTI E NUOVI AMICI DAL MONDO GAY ITALIANO. LASCIA LA TUA EMAIL.

kiubo

giornalista di rai 3 omofoba: portiamo capitali...

in italia non cambierà mai niente, non ci vogliono, ogni giorno omofobia e disprezzo e basta. E’ ora che si faccia L’UUNICA COSA PO...

Continua a leggere →
kiubo

Feltri: ancora disprezzo per i gay

Ma io vi chiedo: voi non siete mai stanchi? di gente che offende, esprime disgusto e disprezzo per i gay? vi rendete conto che in Italia mai cam...

Continua a leggere →
cris_85

cris_85

30 anni

Novate Milanese

Giu_82

Giu_82

33 anni

Palermo

lubis

lubis

55 anni

Cantello

turtle86

turtle86

29 anni

Vigevano

Stefanostarroad

Stefanostarroad

32 anni

Napoli

italianboy90

italianboy90

25 anni

enrico

enrico

38 anni

Livorno

guglielmo2600

guglielmo2600

31 anni

Roma

zebra79

zebra79

38 anni

Taranto

anni

anni

anni

anni