AMBIGUITA’ NOIR

di

"L'imbalsamatore" di Matteo Garrone: tra passioni gay e criminalità mafiosa, una storia di anime perse e sentimenti repressi. Al cinema, da vedere assolutamente.

791 0

Il marabù è un uccello che si ciba di cadaveri, simile a una cicogna, apparentemente inoffensivo. Un esemplare in cattività osserva un ragazzo altissimo, mediterraneo, splendido, allo zoo con la sua fidanzata. La stessa soggettiva è ripetuta quando un uomo molto basso, quasi nano, di professione imbalsamatore lo vede finalmente nel suo laboratorio e lo assume come collaboratore. E’ l’inizio di "L’imbalsamatore", un’intrigante e atipica favola nera, un film anomalo nel piatto panorama del cinema italiano contemporaneo tutto buonismo e mossette, convenzionalità e piaggerie. Qui siamo di fronte alla scoperta di un vero autore (Matteo Garrone, romano, propenso altrove verso un cinema semidocumentaristico: ‘Ospiti’, ‘Terra di Mezzo’) che ci fa entrare in un mondo oscuro e ambiguo, tra passioni celate mai espresse e pericolose collusioni con la criminalità mafiosa.

Diego fa il cameriere ma per guadagnare qualcosa in più diventa assistente di Peppino che gli insegna tutti i trucchi su come si impagliano gli animali e poi lo assume a tempo pieno. Anzi, si lega sempre di più a lui: Diego ha bisogno di ospitalità e chiede un letto proprio a Peppino che lo ospita di buon grado. Se lo porta poi con sé in un viaggio a Cremona (senza rivelargli che si tratta di riempire un cadavere di droga) mentre una ragazza vistosamente rifatta, Deborah (Elisabetta Rocchetti) cerca di aprirgli gli occhi e sottrarlo alle ambigue mire dell’imbalsamatore.

Garrone evita le facili trappole del grottesco facendo immergere lo spettatore in una storia di anime perse e sentimenti repressi senza svelare fino all’ultimo le sue carte: l’omosessualità di Peppino (Ernesto Mahieux, attore di sceneggiate napoletane) resta implicita per tutto il film e in una curiosa scena di partouze en travesti Peppino trucca persino Diego da donna. Ma Diego (Valerio Foglia Manzillo, modello napoletano) non è gay, anche se il suo rapporto con Peppino travalica la semplice amicizia.

Efficaci atmosfere da noir denso e misterioso, suspence sul filo della tensione (anche sessuale) complice un vero, tragico fatto di cronaca da cui il film è tratto. ‘L’imbalsamatore‘ ha avuto successo alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes dove è stato presentato e in cui il bellissimo Valerio Foglia Manzillo (etero e fidanzato) ha rivelato di avere un altro progetto cinematografico all’orizzonte.

Avevamo bisogno di un film italiano originale e per nulla imbalsamato, a dispetto del titolo: niente stereotipi né cacce al mostro. Ma un disperato amore sotterraneo che ha qualcosa di animalesco. Da fermare nel tempo come la carcassa di una bestia impagliata. Da vedere.

Clicca qui per la pagina del film con galleria di foto e trailer

Leggi   Hollywood, LGBT ma non troppo: nei film tanti maschi gay bianchi
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...