AMORE AI TEMPI DEL COLLEGE

di

"Vite nascoste" nei cinema. Dopo quattro anni esce il film di Simon Shore sull'amore difficile tra due studenti, il gay Steven e il confuso bisex Johnny. Una gradevole...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


"E’ solo amore! Che cos’è che vi terrorizza?" dice il sedicenne Steven davanti a tutta la scuola nel coming out pubblico (quasi come in ‘In&Out’, ma con più realismo) alla consegna del premio per il miglior articolo giornalistico. E fino ad allora quella di Steven è stata una delle due ‘Vite nascoste‘ (ma il brutto titolo italiano traduce l’originale ‘Get real‘, qualcosa a metà strada tra ‘Apri gli occhi’ e ‘Renditi conto’) del film dell’inglese Simon Shore che esce dopo ben quattro anni – è del 1998! – in Italia e solo nelle più importanti città (è arrivato solo ora a Torino dopo Roma e Milano) distribuito dalla coraggiosa Lady Film, una costola dell’ex-Academy. E ciò dimostra la difficile gestazione dei titoli gay di richiamo minore, spesso destinati a fare da ingenerosi ‘tappabuchi’ delle reti distributive meno potenti, anche quando sono prodotti di tutto rispetto come questa gradevole commedia collegiale che aveva tra l’altro avuto una vetrina di prestigio apparendo in concorso al lungimirante Festival Gay di TorinoDa Sodoma ad Hollywood‘ del 1999 dove emerse (ma non fu premiata) questa delicata e appassionante storia di amori ai tempi della scuola e bisessualità irrisolta.

Il bel moretto Steven (Ben Silverstone), il classico secchione allampanato e intelligente, distratto e ritardatario, che vaga per i corridoi petrarchescamente ‘solo e pensoso’ e viene preso in giro per i suoi modi delicati, ha come unica amica Linda (Charlotte Brittain), una ragazza obesa e sagace che sembra la cantante Moony da adolescente in versione cotonata. Lei prende una svicolante sbandata per il suo istruttore di guida ‘nascostamente’ sposato e con figli e nel frattempo Steven si innamora in tutta segretezza di John Dixon (Brad Gorton), il bello della scuola, atletico e tenebroso, a sorpresa bisex. Sì, perché quando Steven lo becca nel gabinetto nascosto tra le fratte del parco e scopre che l’attrazione che prova per lui è parzialmente ricambiata le cose si complicano. Johnny è ‘confuso’ (che fa rima con: ‘son bisex: ti uso’), non si accetta come gay, ha la classica bella ragazza di copertura (e da copertina) ed è stimato dai bulli etero del college per i suoi successi sportivi e d’immagine. Una notte Steven se lo trova persino in casa, completamente ubriaco e disponibile, e Johnny gli dichiara il suo amore a patto che la loro relazione resti ‘nascosta’ all’interno della scuola. Il che, ovviamente, è un’utopia: una ragazza innamorata di Steven ‘sgama’ i loro giochi non propriamente sportivi anche perché uno degli articoli anonimi arrivati al giornale della scuola (e scritto proprio da Steven) racconta le difficoltà dell’essere gay e non avere un volto all’interno del college.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...