CINEMA GAY SULLA LAGUNA

di

Venezia, la terza edizione del Pride Film Festival. Da Ozon a Rapp, da Edwig a Brandon Teena, fino alla retrospettiva su Morrisey. E gli eventi dedicati alla tv:...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


VENEZIA. Si apre oggi, martedì 7 maggio, la 3ª edizione del Pride Film Festival, rassegna di film con tematiche omosessuali organizzata dall’associazione CinemArte a Mestre. Appuntamento consolidato nell’ambito degli appuntamenti culturali del veneziano, la terza edizione del Pride Film Festival si presenta sempre più interessante; nell’edizione 2001, per i quattro giorni del festival, il cinema Dante è stato fra le prime tre sale del Triveneto per affluenza. Tre le diverse fasce di programmazione: dal 7 al 10 maggio alle videoteca Pasinetti di Venezia, l’11 e il 12 maggio all’auditorium Monteverdi di Marghera, dal 13 al 16 al cinema Dante di Mestre. 70 le opere in programma. In Concorso: 6 lungometraggi, 11 corti e 12 documentari. Altre sezioni 2 tv-movie, 26 caroselli, 4 trailer, 3 inediti, 6 film.

I film in programma

Il programma è quanto mai articolato. C’è di tutto: da lungo, medio e cortometraggi a documentari, da sit-com a fiction televisive, fino a veri e propri sfizi come trailer o caroselli, il tutto accompagnato, in più di un’occasione, dalla presenza di registi ed attori. Fra i lungometraggi brillano – oltre a Gocce d’acqua su pietre roventi, diretto da François Ozon e tratto da una pièce teatrale di Fassbinder, e Un affare di gusto, del francese Bernard Rapp – quattro film inediti nel Triveneto: Giorni, per la regia di Laura Moscardin su una sceneggiatura che vinse il Premio Solinas nel 1997, la storia di un trentacinquenne sieropositivo la cui vita è sconvolta dall’incontro con un giovane col quale anni prima aveva avuto una relazione;

Hedwig – La diva con qualcosa in più, di John Cameron Mitchell, un film già diventato di culto; I Love You Baby, degli spagnoli Alfonso Albacete e David Menkes, i vincitori del Festival Gay di Torino del 2000 con Sobreviviré, con la presenza di Boy George; e infine Il club dei cuori infranti, di Greg Berlanti, denominato "il grande freddo gay", che racconta le vicende, amicali ed erotiche, di 8 gay losangelini, uno anziano e 7 giovani (fra cui Dean Cain, il Superman televisivo).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...