CONTO ALLA ROVESCIA AL GF4

di

I tre finalisti del GF4 affrontano le ultime giornate da reclusi in attesa di sapere chi di loro si porterà a casa il montepremi finale. Intanto nella Fattoria...

664 0

Conto alla rovescia per i tre finalisti della quarta edizione del Grande Fratello. L’avventura di Katia, Patrick e Serena è ormai in dirittura d’arrivo dopo settimane passate per lo più all’insegna dell’ozio e dell’apatia, tanto che questa annata del reality verrà sicuramente ricordata come la più noiosa mai vista. Ovviamente, se all’interno della Casa non accadeva nulla prima, quando a popolarla erano in parecchi, tanto meno ora che vi dimorano solo tre persone. Sta prevalendo lo spirito dell’”ormai è fatta”: nessun tipo di screzio, nessuna battuta di troppo, nessuno slancio emotivo di qualsiasi genere.

Il pensiero va ora al montepremi che spetta a colui che vincerà, e nessuno vuole giocarsi la possibilità di accaparrarselo per qualche sbaglio dell’ultimo minuto.
Serena sembra essere la vincitrice più probabile; la sua dolcezza ha conquistato i più, anche se qualche detrattore non apprezza il suo essere troppo cartone animato. Anche Patrick ha buone possibilità di arrivare al primo posto, mentre chi invece sembra la più spacciata è Katia. La mangiatrice di uomini valtellinese ha fatto qualche passo falso, soprattutto a discapito di quel povero Ascanio trattato come un vero e proprio zerbino. Comunque il televoto è ancora aperto e da qui a giovedì le cose potrebbero cambiare.

Tutt’altra aria si respira in quel della Fattoria di Italia 1. Liti, scontri e malelingue fanno da filo conduttore alle giornate degli improvvisati braccianti. L’ultimo in ordine di tempo è quello tra la Rocca – che non perde occasione per ostentare il proprio sex appeal – e l’ex nuotatore Domenico Fioravanti. Lui l’ha accusata di non essere sincera: «Io non sopporto che mi si prenda per il culo. Non puoi venirmi a dire che mi vuoi bene e poi durante la diretta dire che non mi puoi vedere, che io ti odio». «E cosa devo dire? – si è difesa la Rocca – tu non mi rivolgi neanche la parola». «É vero, io sono fatto così – ha risposto Domenico – però puoi parlare di antipatia, ma non puoi dire che ti odio, perché io non odio nessuno, solo che ti ritengo una persona falsa». Tutta la cascina è dalla parte del ragazzo. Per la Rocca si profilano così tempi molto duri.

di Simone Michelucci

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...