COPPIA: E SE IL SESSO CALA?

di

Fidanzato da anni, ama il suo uomo. Ma non è più stimolato sessualmente. Anche perchè l'altro è soltanto passivo. "Non voglio tradirlo: come posso fare?".

758 0

Sono fidanzato con un uomo da diversi anni. Il nostro rapporto va a gonfie vele: viviamo insieme, andiamo d’accordo, non ci sono mai stati seri problemi tra noi, ci vogliamo molto bene. Tuttavia io non mi sento più stimolato da lui sessualmente. Abbiamo rapporti regolari, ma io non li vivo più con trasporto. C’è anche da precisare che lui è esclusivamente passivo ed io, di conseguenza, sono "costretto" a svolgere un ruolo unicamente attivo, mentre ogni tanto mi piacerebbe anche… Fin da quando ci siamo conosciuti non è mai riuscito a penetrarmi, nonostante vari tentativi (non c’è mai riuscito con nessuno neppure prima). Ha erezioni regolari, non ha problemi fisici, ma appena prova a penetrarmi si smonta e non riesce più a far nulla. Ci rimane male quindi ho lasciato perdere i tentativi. sarà per questo o sarà per altro il fatto è che io non mi sento più appagato sessualmente. Ma lo amo tanto, è accanto a lui che voglio invecchiare.

Non l’ho mai tradito e mi sarebbe difficile farlo: mi sentirei sporco e sporcherei anche il nostro rapporto che invece è sempre stato limpido, inoltre lui non merita tanto. Vorrei accantonare questo problema ma dal modo in cui, da alcuni mesi, mi ritrovo a guardare in maniera smaniosa gli altri uomini mi rendo conto che mi sto caricando di un’insoddisfazione che potrebbe esplodere e rovinare il nostro rapporto, e non è quello che voglio.

Non so cosa fare. Se penso alla felicità che mi ha dato e che mi da mi sento un ingrato a scrivere e pensare queste cose. Io non sono una persona frivola, tutt’altro, il sesso per me ha sempre occupato una posizione importante ma non determinante, però adesso, onestamente con me stesso, mi accorgo di non sentirmi appagato. Come dovrei comportarmi?

m. b.

Caro m. b., la tua lettera cade, come si suol dire, a fagiolo. Sembra strano ma in questo periodo sto ricevendo molte lettere che trattano lo stesso argomento. Partirei dalla considerazione al termine della tua lettera, ovvero il sesso in un rapporto ha una posizione importante ma non determinante. Bene, mi sento di dire "dall’alto della mia esperienza" (ah ah ah) che l’importanza del sesso è maggiore di quella che si può anche solo minimamente pensare. Con questo non voglio dire che siamo tutti maniaci sessuali e che un rapporto si basa solo sull’intesa sessuale, ma aiuta, eccome se aiuta!! Il sesso è una forma di comunicazione molto personale ed intima, e quando due persone raggiungono un’intesa nelle relazioni sessuali (stesse fantasie o compatibili, per esempio…) hanno veramente abbassato le difese e possiamo parlare di intesa, capisci che voglio dire?

Certo che se ci sono problemi a letto una relazione può benissimo andare avanti, ma prima o poi si dovrà parlarne, si dovrà affrontare l’argomento, prima che diventi un vero problema. Non credere, m b, molte coppie (ma anche singles) hanno problemi a sfondo sessuale. Conosco coppie, all’interno delle quali, uno dei due si lamenta di fare troppo sesso, l’altro di farne troppo poco, chi si lamenta del "ruolo", chi della routine, chi della mancanza di fantasia e chi di stimoli….come vedi sei in buona compagnia!!

Effettivamente se ne parla poco. Quando senti i discorsi in giro tutti hanno una "fantastica vita sessuale"! tutti scopano come ricci (scusa l’eleganza…) A sentire in giro tutti sono richiestissimi per le loro doti, misure, resistenza, fantasia! roba da farti sentire una merda (continua l’eleganza…). Ma le cose non stanno proprio così!… certo ci sono persone fortunate che trovano equilibrio anche sessualmente , ma credo che non sia così facile, così alla portata di tutti. Certo se ne parla poco per via dell’imbarazzo, della vergogna della…privacy. Quante volte i tuoi amici ti avranno raccontato di incontri fatti in un parco, in una dark , di gente mooolto strana sessualmente?! Li, per assurdo, sono più sinceri: e chi li riconosce al buio!!?

Per quanto riguarda invece un rapporto di coppia consolidato come il tuo, la storia è diversa. Mi piace molto la tua affermazione "è la persona con cui vorrei invecchiare". E proprio partendo dall’amore che provate l’uno per altro, ti consiglierei di affrontare l’argomento seriamente. Ne hai parlato seriamente (e serenamente) con lui? Spiega anche a lui quello che hai scritto a me. Potreste anche consultare un sessuologo. Si lo so, fa molto film di Woody Allen, ma a volte parlarne con qualcuno che ne sa più di noi, aiuta! Sicuramente dovrete affrontare il problema, prima che la relazione si deteriori. Magari si litiga per altre cose, ma sotto sotto il vero problema resta quello.

Leggi   Fabio Canino: "La radio, l'amore, i gay in Tv e l'omofobia che combatto con il vino"

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...