DRAG KINGS E SESSO ESTREMO

di

Finalmente in dvd due film mai passati nelle sale. In "Venus Boyz" le performer che giocano sull'identità sessuale. In "Luster" amore e sesso nella Hollywood borderline.

1771 0

Esistono centinaia di film a tematica gay e lesbica di ottima qualità che nessuna sala ospita, eccezione fatta per i festival specialistici come quelli di Torino o Milano. Queste pellicole, preziose ed emozionanti, vengono generalmente viste solo dalle poche persone che frequentano i festival o dagli “addetti ai lavori” mentre il grande pubblico fatica a trovarle nelle sale. Ma per fortuna c’è l’home cinema…

Dall’esperienza di Mikado e General Video insieme a Emik e Dolmen Home Video, società specializzata nella distribuzione e nella vendita di prodotti per l’Home Entertainment, nasce Queer, una collana di film a tematica gay, lesbica e transgender di qualità, italiani e stranieri, una selezione accurata delle migliori pellicole inedite di fiction e documentari, arricchiti di materiali inediti e approfondimenti, selezionati in stretta collaborazione con il Festival Internazionale di Cinema Gaylesbico di Milano.

Queer ha cominciato a immettere sul mercato i suoi titoli da gennaio, quando ha presentato Paragraph 175, il documentario di Jeffrey Friedman e Rob Epstein, che raccoglie le testimonianze di omosessuali sopravvissuti ai campi di concentramento nazisti, e di cui abbiamo già parlato.

Da poco sono stati pubblicati altri due preziosi dvd: Luster, di Everett Lewis, e Venus Boyz della svizzera Gabriel Baur. Se il primo ha un impianto narrativo composito, il secondo si presenta come un documentario, ma coinvolgente ed emozionante come le grandi storie, sul mondo dei Drag Kings. La Baur segue, intervista, spia le più famose performer di Londra, New York, Berlino: donne che allestiscono spettacoli in cui giocano con l’identità sessuale in maniera clamorosa, lesbiche capaci di impersonare perfettamente personaggi maschili sul palco come nella vita reale, transgender che hanno attraversato un percorso complesso e affascinante, come il fotografo Del La Grace Volcano.

In Venus Boyz, produzione svizzera e americana del 2001, che vinse anche il Premio della Settimana della Critica al Festival del Cinema di Locarno, si alternano interviste e spezzoni di spettacoli.

Seguiamo le vicende di Diane Torr (foto), una delle pioniere del movimento delle Drag King nel 1981, che attualmente tiene workshop in America e in Europa per donne che desiderano trasformarsi in uomini. Uno dei personaggi più famosi della Torr è Danny King, un borghese machista nato dall’osservazione di una serie di persone reali, dal padre agli zii. Quando cammina per la strada come Danny King, Diane Torr si diverte: «la gente si fa da parte – dice – e io mi sento diversa». Tra gli altri personaggi del film, la berlinese Bridge Markland («sono biologicamente una donna e non voglio cambiarmi, ma ci sono diverse forme di femminilità, e la mia è decisamente androgina»), la haitiana Dred Gerestant e il già citato Del La Grace Volcano.

L’amore ai tempi di Hollywood: questo potrebbe essere il sottotitolo di Luster (USA 2002, 16mm, 91′), in cui seguiamo le vicende di Jackson, un giovane gay dai capelli blu, che scrive poesie e s’innamora venti volte al giorno. L’ambiente in cui vive è quello borderline dei giovani in cerca di un’occasione, che aspettano tra consumo di droghe, party a base di sesso, e lavoretti da commesso. All’inizio del film lo troviamo disteso su un letto, in un groviglio di corpi, reduce da un’orgia strabiliante. La sera prima, ha visto un ragazzo, Billy, di cui si è innamorato, ma al suo arrivo a casa, trova il cugino Jed arrivato dall’Iowa e si innamora anche di lui. Intanto un cliente del negozio di dischi dell’amico Sam dove Jackson lavora, gli dichiara il suo amore. In questo intrico di sentimenti non corrisposti, c’è l’incontro di Jackson con la rockstar Sonny che decide di utilizzare le sue poesie come testi per il suo prossimo album. Ecco, in questo ambiente, l’amore che spinge Jackson a comporre versi non è altro che merce per l’industria discografica, e mentre Sonny ha una relazione carica di violenza con Billy, ai sentimenti più puri non viene concesso che una svogliata indifferenza.

Ma non siamo al “solito” film su droga, perdizione e sesso, nonostante le immagini forti, le scene di nudo, gli accoppiamenti. Luster è un film dalla forte intensità poetica, anche grazie ai versi che Jackson recita fuori campo, scritti da Dennis Cooper. Il regista Everett Lewis compone quadri di grande impatto, mettendo in relazione personaggi riuscitissimi e altamente rappresentativi, in un contesto duro e affascinante come quello della Los Angeles degli sfigati. Da non perdere.

Leggi   Nel nuovo film Beach Rats, la sexy rivelazione Harris Dickinson

Tra le prossime uscite della collana Queer, troviamo alcuni titoli di Derek Jarman (“Blue”, già in distribuzione, e “Edoardo II”), e altri film che hanno avuto molto successo ai festival di cinema gay come “Ma vrai vie è Rouen” e “Beefcake”.

I dvd della collana Queer sono disponibili su Cleptomania: clicca qui.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...