FATE IGNORANTI ONLINE.

di

Su internet la sceneggiatura del film più amato dell'anno

1265 0

Mentre già da qualche anno nei siti di cinema americani sono disponibili le sceneggiature di moltissimi film, tanto che si è aperto un vero e proprio mercato tra i collezionisti e i cinefili di tutto il mondo, la prima sceneggiatura di un film italiano che si potrà scaricare da internet è quella di Le Fate Ignoranti di Ferzan Ozpetek:

la sceneggiatura è da qualche giorno disponibile in rete sul sito dello sceneggiatore e produttore del film, Gianni Romoli, http://digilander.iol.it/gianniromoli. Una notizia questa che vale la pena sottolineare, dal momento che è la sceneggiatura di un film di argomento gay a fare il suo ingresso sul web. In concomitanza, dell’uscita in noleggio del VCS e del DVD, prevista in tutta Italia per il 30 settembre.

Famoso sceneggiatore di cinema e autore di serie televisive di successo, Gianni Romoli era già stato un pioniere nel promuovere a Roma negli anni ’70, rassegne di cinema ormai "cult", prima a "L’occhio, l’orecchio e la bocca" (il suo cineclub ormai mitico tra i cinefili italiani), e poi a "Massenzio". Non stupisce pertanto che sia proprio lui a fare anche questa volta, da apripista.

Quella che troverete sul sito di Gianni Romoli è anche l’ultima versione della sceneggiatura di Le Fate Ignoranti. Quella cioè non desunta dal film, ma usata in fase di lavorazione. Una sceneggiatura che al 15% risulta diversa dal film visto al cinema. Contiene scene poi tagliate in fase di montaggio o modificate durante le riprese. Molte per esempio le scene, con dialoghi esilaranti, tra i personaggi della "famiglia allargata" di Michele, con anche molte più situazioni "gay" di quelle viste al cinema.

Una sceneggiatura che si presta ad una lettura particolarmente interessante, anche ai non addetti ai lavori, e che vi farà rivivere la tensione del film, da una diversa angolazione.

Un fiume di parole che vi restituirà le emozioni dei versi di Hikmet e di molti dialoghi del film, e che alla fine della lettura vi farà risentire la eco del bicchiere che cade a terra senza rompersi.

Le fate ignoranti, di cui Romoli ha scritto il soggetto e la sceneggiatura insieme a Ferzan Ozpetek, regista del film, continua a ricevere larghi consensi da parte del pubblico. Ed è la prima volta che un film di argomento gay italiano riceve un tale consenso di pubblico e di critica:

è stato premiato con Nastri D’argento, Grolle D’oro, Ciak d’oro, il premio Sacher, premi agli attori Stefano Accorsi (foto) e Margherita Buy, il regista Ferzan Ozpetek, lo sceneggiatore Gianni Romoli, i produttori Tilde Corsi e Gianni Romoli, la fotografia Pasquale Mari, la musica (oltre 30.000 copie vendute per la colonna sonora del film), e persino il manifesto (miglior manifesto dell’anno).

Oltre 2 milioni di persone hanno visto il film, e per tutta l’estate Le Fate ha registrato il maggiore incasso nelle arene di tutta Italia. Sono trascorsi ormai sette mesi dall’uscita del film, ed è l’unico film ad essere rimasto per così tanto tempo nelle maggiori sale italiane resistendo all’uscita anche dei film di grande richiamo delle grandi produzioni americane.

Le Fate Ignoranti sta continuando a mietere un successo dopo l’altro anche nei festival di tutto il mondo.

Venti minuti di applausi, la settimana scorsa, al festival di Toronto, così come applauditissime sono state le proiezioni di Montreal e di San Francisco e Seattle. Il prossimo weekend sarà al festival di San Sebastian e ad ottobre andrà al festival di Parigi e di Londra.

Leggi   Torino, rischio chiusura per lo storico festival LGBT Lovers?

Dopo Le fate è già in fase di preparazione il prossimo film Ozpetek (foto sopra), di cui Gianni Romoli è di nuovo lo sceneggiatore e produttore. Sarà interamente girato a Roma e le riprese inizieranno nel marzo 2001. Si parlerà di una storia d’amore malinconica e divertente, e non mancheranno elementi e spunti gay. Non ci deluderà. Come più volte ci ha ricordato Ferzan Ozpetek: "racconto ciò che conosco e ha a che fare con la mia vita".

di Rocco Messere

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...