GF2: GIORNO 47

di

Huber fa il gay, Ale lo nega: chi gli crede?

1036 0

Caro Diario,

sboccia l’arte nella casa del Grande Fratello! In un delirio di creatività, i baldanzosi concorrenti sono alle prese con le loro opere prime in tema di ritratto, consegnando ai posteri la raffigurazione, in tempere su tela, dei loro compagnucci. Ale ritrae Romeo, Mascia disegna il bel Flavio, Lorenzo la sua Tati e così via, in una catena ritrattistica di dubbia qualità…

La prova assegnata dal Grande Fratello è l’ennesima occasione che Francesco coglie per divertirsi con le sue improbabili interpretazioni: si è così inventato il personaggio di "François Marie Gaiardelle", pittore francese dalla scarsa, molto scarsa virilità. François può così dare sfogo a tutte le scheccate più insolenti che la sua mente da alpino riesce ad evocare, divertendosi a indossare i panni del frocio esattamente come gli uomini amano travestirsi da donna per apparire in "Tacchi a Spillo", altro delirio del tubo catodico.

Ma scherzare di omosessualità in quella casa, sembra quasi il classico caso in cui si "parla di corda in casa dell’impiccato". Il tema infatti, è molto ricorrente, soprattutto – questo è ovvio – grazie al bel napoletano che molti (non tutti, nel forum c’è qualcuno che è convinto del contrario) considerano irrimediabilmente ancorché nascostamente GAY! E glielo dicono: è successo ad opera di alcuni telespettatori che, avvicinatisi alla casa di Cinecittà, hanno urlato qualcosa del tipo "Alessandro, sei un gay e un impotente".

Il moro non si è lasciato turbare più di tanto: "Meglio per un ragazzo essere considerato gay che per una donna una di facili costumi " avrebbe detto, in uno dei rari momenti di tolleranza. Ma pare che abbia anche aggiunto "Io gay? Ma se sono omofobo!" e se la sarebbe risa alla grande.

Ride bene chi ride ultimo, caro Alessandro. Intanto anche gli ultimi approcci con la superdotata Mascia lasciano mooolti dubbi: prima vi siete – come sempre – appartati in giardino, poi piccole effusioni sotto le coperte, mano nella mano, morsi e morettini… prima di andare a nanna persino un bacio sulla bocca, e poi? A parlare con i tuoi compagni nel letto! Eh, no, caro Alessandro, qui i dubbi restano, e anzi aumentano. E a poco servirà il tuo gesto estremo…

Quale gesto estremo, caro Diario? Semplice: Alessandro ha cercato di fugare tutti i dubbi sulla sua virilità spiegando a chiare lettere (è il caso di dirlo) perché lui di fidanzate nemmeno a parlarne. Ha scritto sul muro del giardino grosso grosso: "Alessandro – single is a state of mind". Ovvero, single è uno stato mentale.

Noi aggiungiamo: "And gay is a state of living!". E sotto a chi tocca.

Leggi   Corinne Cléry: "Io, il GF, Giulia, Serena e l'omosessualità di Tonon"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...