GF4: GIORNO 83

di

Mentre nella Casa del Grande Fratello regna il torpore, la Fattoria è teatro di accesi scontri e rivalità: la prima vittima è Flavia Vento. Ma c'è già chi...

1387 0

Finalmente Flavia Vento ha preso una saggia decisione, quella di andarsene. La non ben definita artista (chiunque sia in grado di stabilire se si tratti di un’attrice, di una valletta sui generis o semplicemente di un esemplare di femmina sottovuoto, è pregato di farcelo sapere) non ha retto ai continui attacchi da parte dei compagni iniziati fin dal primo giorno di permanenza nel Casolare quando la ragazza si era scontrata duramente con Milton, il Fattore di questa settimana, perché accusata di non impegnarsi in nessun lavoro utile al gruppo. Ma nelle ultime ore i rapporti si erano decisamente inaspriti un po’ con tutti: Donatella Rettore durante il pranzo pasquale si è rivolta alla Vento dicendo: “Come ci si sente a mangiare e a non fare un tubo tutto il giorno?” Pronta la reazione della Vento: “Io sto male”. Solange ha rincarato la dose. “Io faccio quello che posso, tu non vuoi fare nulla di nulla” ha detto alla Vento il chiromante di Collesalvetti. Infine Milton ha dato il colpo di grazia alla già vacillante Flavia dicendole: “Ci ha rovinato fin dal primo giorno e ci ha rovinato pure il pranzo di Pasqua”. Ecco che Flavia al grido “Ho dei miei valori e me ne vado” ha lasciato i compagni alle fatiche del 1870 per tornare agli agi e alla mondanità romana del nuovo millennio che meglio le si addicono.
La Endemol, casa di produzione di questo reality, ha già deciso chi sostuirà la transfuga Flavia Vento. Sarà Rita Iannaccone, meglio conosciuta come Rita Montella, perché ex moglie del noto calciatore Vincenzo Montella. A lei l’arduo compito di rasserenare gli animi all’interno della Fattoria.

Il torpore regna sovrano invece nella Casa del Grande Fratello. E visto il sempre più esiguo numero di concorrenti temiamo che le cose andranno sempre peggio nelle prossime settimane. I ragazzi sono prigionieri di un’apatia senza precedenti. Troppi equilibri, troppe coppiette, troppa falsità. Qualche scontro in tarda serata fra Tommaso e Carolina perché pare che la ragazza sia un po’ stufa delle solite coccole da fidanzatini, ma tutto è finito in una bolla di sapone. La sudamericana ha festeggiato pure il suo compleanno, ma anche qui scarso entusiasmo.
Intanto il Grande Fratello ha comunicato il testo della nuova prova settimanale. Questa volta i reclusi dovranno immaginare di essere gli unici sopravvissuti ad un immane cataclisma: in cerca di scampo dovranno innanzitutto provvedere a coprirsi. A tale scopo, con vari materiali di fortuna che il GF gli fornirà, avranno il compito di realizzare i loro nuovi abiti, necessariamente l’uno diverso dall’altro. Nel Giardino, inoltre, è stato installato un percorso ad ostacoli, che devono essere superati, scavalcati, ma mai aggirati e che il padrone di Casa si riserva di modificare numericamente nei prossimi giorni. I ragazzi dovranno compierlo a coppie, uniti per i polsi dalle manette di corda che il GF ha consegnato loro. Ciascuno dovrà concludere ogni giorno almeno tre giri del percorso, compiendolo a piedi nudi finché gli abiti non saranno preparati. Se non effettueranno spontaneamente quanto richiesto, dovranno effettuare i giri ogni volta che il GF glielo dirà. Nei prossimi giorni, al termine del percorso sarà collocato un macchinario, di cui dovranno completare la costruzione con dei pezzi che saranno loro consegnati, in base ad un preciso progetto che il GF fornirà. Non tutti i pezzi saranno utili alla corretta costruzione dell’apparecchiatura: dovranno scegliere solo quelli che si inseriranno perfettamente nel macchinario e che ne consentiranno il funzionamento. La prova sarà superata se avranno realizzato correttamente tutti gli indumenti richiesti, se riusciranno a compiere il percorso entro il tempo indicato, se riusciranno a completare esattamente la realizzazione del macchinario, e se si saranno sufficientemente impegnati nel corso della settimana.

di Simone Michelucci

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...