Ghostbusters: feroci critiche misogine e razziste al reboot al femminile del cult anni 80

di

Una nuova versione tutta al femminile dell'iconico comic-horror sta per uscire al cinema: il film però è diventato oggetto di un boycott razzista e misogino sul web.

CONDIVIDI
54 Condivisioni Facebook 54 Twitter Google WhatsApp
5360 2

Sono stati un’icona pop degli anni ’80 e chi oggi veleggia intorno ai quarant’anni non può non associare la loro musichetta cult alla propria adolescenza: “Who ya gonna call? Ghostbusters!”. Sì, proprio gli acchiappafantasmi dell’omonima commedia fantastica di Ivan Reitman del 1984 che segnarono l’immaginario comic-horror di quegli anni incassando la cifra record di 300 milioni di dollari di allora (il merchandising relativo superò il miliardo di dollari). Gli acchiappafantasmi oggi diventano però le acchiappafantasmi: tornano infatti nelle sale italiane giovedì 28 luglio nella versione – quasi – tutta al femminile diretta da Paul Feig.

Ghostbusters 3Pur essendo stato accolto dalla critica abbastanza bene in America, dove è uscito il 15 luglio con incassi soddisfacenti (46 milioni di dollari nel primo weekend, a fronte di un costo complessivo di 144), Ghostbusters è stato vittima online di attacchi e sfoghi da parte di ‘haters’ che a priori hanno stroncato il film, accanendosi in maniera misogina e razzista soprattutto con l’interprete Leslie Jones che ha deciso di lasciare Twitter dopo l’ennesimo insulto.

L’attrice ha ricevuto numerosi attacchi sessisti e razzisti: in particolare le sono state mandate immagini di scimmie e immagini pornografiche, e sono stati creati dei falsi screenshot in cui sembrava che avesse scritto dei tweet omofobi. La maggior parte dei tweet sono veramente odiosi: Jones ha reagito pubblicando degli screenshot di alcuni tweet offensivi, ma poi si è detta esasperata e ha detto di essere stanca di bloccare i profili di chi la insultava. Curiosamente, il film non potrà uscire in Cina, dove non sono stati distribuiti neanche i primi due, per una legge che vieterebbe ‘film che propagandano culti basati sulla superstizione’. La pellicola aveva già ricevuto molte critiche misogine sui social network semplicemente per il fatto di avere un cast femminile; c’è anche una campagna per rendere l’anteprima del film il video trailer con il maggior numero di voti negativi della storia: sono 966.746 attualmente.

Ghostbusters 2Tornando alle caratteristiche della pellicola, non è un remake ma più propriamente un reboot, cioè un film che riparte dalle stesse premesse per svilupparsi in maniera diversa (ci fu già un seguito, Ghostbusters II, nel lontano 1989). Ma la novità principale resta il quartetto di donne protagoniste che sostituisce gli uomini – allora erano Bill Murray, Dan Aykroyd, Harold Ramis ed Ernie Hudson – ed è formato da alcune delle più brillanti comiche americane: Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon e Leslie Jones. La trama è semplice e ricalca l’originale: Erin (Wiig) è una ricercatrice della Columbia University che viene ridicolizzata per aver scritto un libro sui fantasmi insieme alla sua compagna di corso Abby (McCarthy). Così è costretta a lasciare il lavoro. Decide quindi insieme ad Erin di aprire una ditta di acchiappafantasmi per dimostrare le sue tesi a proposito degli spettri: fa bene, poiché Manhattan viene invasa da una serie di bizzarri fantasmi dalle intenzioni tutt’altro che benevole. Insieme all’ingegnere Jillian (McKinnon) e all’impiegata dei trasporti pubblici Patty (Jones) si forma così il team tutto al femminile pronto a dar loro la caccia.

Nel cast ci sono anche piccoli ruoli maschili, tra cui il bellissimo attore australiano Chris Hemsworth (ve lo ricordate seminudo in The Dressmaker?) nei panni del segretario delle Ghostbusters, Andy Garcia in quelli del sindaco di New York e Ozzy Osbourne creditato come ‘famosa rock star’.

Ghostbusters 4È inaccettabile che avvenga a priori una propaganda negativa del genere, peraltro basata su argomentazioni fortemente misogine: se volete smentirla, andate al cinema da giovedì prossimo per vedere il film.

 

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...