“GOHATTO”: MA COME FANNO I SAMURAI

di

Formalmente ineccepibile ma un po’ ingessato il ritorno al cinema del grande Nagisa Oshima che dopo 'Furyo' affronta di nuovo una storia di omosessualità militaresca. Al tempo dei...

736 0

Magisa Oshima, il grande regista giapponese autore di indiscussi capolavori come ‘L’impero dei sensi’ e ‘Furyo’ era attesissimo sulla Croisette al festival di Cannes che si è appena concluso: non faceva film da quattordici anni (‘Max mon amour’). E assistendo alla proiezione di ‘Gohatto’ sembrava di essere davanti a ‘Furyo 2 – cento anni prima’: nuovamente Kitano in una storia di omosessualità militaresca, al tempo dei samurai invece che durante la seconda guerra mondiale, di nuovo Sakamoto qui impegnato nella colonna sonora. Siamo nel 1865 e un giovane samurai efebico e bellissimo (Ryuhei Matsuda) entra a far parte della Shinsen-gumi, manipolo di combattenti al servizio degli shogun. Da dodici anni il commodoro Perry ha aperto i porti del Giappone alle merci americane e l’imperatore sta minacciando il potere degli stessi shogun. Il nuovo samurai non è tra l’altro un

ramoscello indifeso: imperturbabile e dallo sguardo glaciale, è abilissimo nell’uso della scimitarra e non esita minimamente a decapitare un collega fedifrago. La sua frangetta galeotta fa velocemente stuoli di vittime: uno alla volta capitolano i suoi colleghi di ventura, dal più giovane (Tadanobu Asano) al maturo capitano (Takeshi Kitano) che riuscirà a controllare la passione e ristabilire l’ordine.

Formalmente ineccepibile e indubbiamente affascinante – grande fotografia, magnifica la colonna sonora di Sakamoto che crea una continua tensione nella storia – soffre un po’ di una sorta di ingessatura teatrale della vicenda (Kitano è una maschera tragica perturbata dai suoi caratteristici tic, la staticità della messa in scena dopo un po’ annoia). Bellissimo il finale onirico con metaforica sciabolata terminale.

Il ‘Gohatto’ del titolo è il severo codice penale dei samurai e il film è tratto da un libro di Ryotaro Shiba. Curiosa e ben girata l’unica scena di sesso esplicito gay di tutto il festival di Cannes 2000 – e in cui il giovane protagonista non muove nemmeno un sopracciglio.

Oshima ha anche spiegato che ‘in giapponese non esiste una parola per esprimere il concetto di ‘omosessualità’ né di ‘ironia’ e che fra i samurai l’omosessualità non è un tabù’. Ha comunque aggiunto: ‘Io solo però l’ho affrontata.’

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...