GRANDE CINEMA OMOSESSUALE

di

Marilyn e Fassbinder, l'Africa e Marlene, Paola Cortellesi e la Salomè di Carmelo Bene. "Da Sodoma a Hollywood": ecco film, ospiti ed eventi del Torino Gay Festival. Intervista...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


TORINO – Ci sarà Paola Cortellesi a chiudere il festival dei film ‘che cambiano la vita’. Il 17° Festival Internazionale di Film con Tematiche Omosessuali ‘Da Sodoma a Hollywood’ (a Torino dal 24 aprile al 1° maggio, Multisala Teatro Nuovo), massimo evento cinematografico gay italiano, catalizzatore annuale di migliaia di spettatori appassionati, perfetto punto di fusione tra favori del pubblico e i prestigiosi palati della critica nazionale (Lietta Tornabuoni de ‘La Stampa’ in primis) è più che mai ricco, invitante e assolutamente imperdibile. Oltre ai consueti tre concorsi internazionali di lunghi, corti e documentari, i bravi organizzatori quest’anno ci delizieranno con una corposissima retrospettiva sul grande regista tedesco Rainer Werner Fassbinder nel ventennale della morte, film e documentari dedicati all’icona sublime Marilyn Monroe, il programma speciale ‘Africa, passi per un futuro’, l’omaggio al compianto critico Gianni Buttafava con titoli del calibro di ‘L’Atalante’ di Vigo e ‘Shangai Express’ di Von Sternberg, eventi speciali quali il documentario presentato a Berlino ‘Marlene Dietrich: Her Own Song’ diretto dal nipote J. David Riva e la ‘Salomé’ di Carmelo Bene.

Gay.it ha raccolto le dichiarazioni degli organizzatori:

C’è qualche tendenza, qualche filo rosso o linea guida tra i film presentati quest’anno al Festival?

Giovanni Minerba, direttore – Al contrario di qualche anno fa quando era predominante il tema Aids, ora le tematiche sono le più svariate. Ci sono molte commedie che affrontano temi più intimi e storie che vanno oltre la rivendicazione ‘tout court’, come "Food of Love" di Ventura Pons (film di apertura, n.d.r.), "101 Reyjkiavik", "Borstal Boy", "Mauvais Genres". Discorso diverso per i documentari dove sicuramente si può trovare un filo conduttore che è la conoscenza o la scoperta: storie, vite, persone che ci portano in mondi spesso sconosciuti.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...