Hôtel Singapura: gli amanti gay e la trans indecisa nel nuovo film erotico di Eric Khoo

di

Un curioso cine-patchwork porno soft di Eric Khoo con due episodi queer: una coppia omosessuale costretta a separarsi nel 1942 e una trans inquieta prima dell’operazione.

CONDIVIDI
28 Condivisioni Facebook 27 Twitter Google 1 WhatsApp
3062 0
3062 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Eros, torna la fiamma al cinema. Se in Italia c’è attesa per l’imminente hard d’autore Queen Kong di Monica Stambrini del collettivo Le ragazze del porno, in Francia è tutto uno sparlottare su un curioso film erotico a episodi che sta attirando pubblico senza distinzione di sesso, il diseguale Hôtel Singapura di Eric Khoo.

Sì, perché tra i sei frammenti di generi differenti da cui è composto questo patchwork della pulsione erotica ambientato nella medesima stanza, la 27, dell’albergo del titolo attraverso il tempo – dalla Seconda Guerra Mondiale al prossimo secolo – uno è gay (il primo, nonché il migliore) e un altro trans, giusto per non scontentare nessuno. Hôtel Singapura si apre infatti con una coppia gay formata da un orientale e un inglese, interpretati da Koh Boon Pin e Daniel Jenkins. Siamo nel 1942 – è l’unico sketch in bianco e nero – e le truppe inglesi si sono appena arrese a quelle giapponesi dopo la battaglia di Singapore, ultimo atto della sanguinosa campagna di Malesia, seguito all’attacco di Pearl Harbor e prodromo della guerra del Pacifico. Fu una delle sconfitte più pesanti della Storia per l’impero britannico, “il disastro più grave e la capitolazione più grande” come disse Winston Churchill. I due amanti si ritrovano nella stanza 27 e celebrano un sofferto addio tenendosi per mano, poiché l’inglese è costretto a tornare in patria. Il dialogo serrato, lucido e appassionante è una perla di scrittura.

hotel-singapura-3Segue un simpatico e caotico episodio comico su una maîtresse che negli anni Sessanta istruisce un gruppo di prostitute starnazzanti (ricorda un po’ Il gusto dell’anguria di Tsai-Ming Liang) con tanto di giochini alla Priscilla quali palline sparate dalla vulva; meglio l’episodio trans in cui lui/lei si confida con l’amato il giorno prima della sospirata ma temuta operazione: lui le pratica un sollazzato blowjob chiosando “mi mancherà” e lei lo rassicura così: “Ci sarà sempre ma in un’altra forma: all’interno”. Futurismo gender. Gli altri sketch si dimenticano, e annoiano pure: c’è la donna sposata con amante, il vergine con amica anorgasmica che si porta un terzo in camera, gli adolescenti pronti a scoprire nuove emozioni. A fare da filo rosso alla vicende lo spirito di un cantante morto per overdose proprio nella stanza 27 che interagisce da presenza spiritica in quasi tutti gli episodi.

hotel-singapura-2È curioso che un vero autore come Eric Khoo (fu in concorso a Cannes nel 2008 col visionario My Magic) realizzi un soft-porno spesso malinconico dalla sensualità altalenante in cui il tocco registico c’è, sì, ma anch’esso a tratti. Vietato a Singapore ai minori di 21 anni (!), è stato realizzato interamente in studio – il titolo internazionale è In The Room, ossia Nella Stanza – e potrebbe mirare a una distribuzione anche in Italia.

Leggi   Trans vuole cambiare nome, il giudice: "Non lavora? Si metta a verbale che è prostituta"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...