Il 24° Togay punta su Patroni Griffi e Judy Garland

di

Alquanto eterogenee le proposte del prossimo festival glbt di Torino (23/30 aprile): Judy Garland, i peplum all'italiana e Dorothy Porter. La retrospettiva è dedicata a Giuseppe Patroni Griffi.

507 0

Sono molto variegate le proposte del 24° Torino GLBT Film Festival Da Sodoma a Hollywood che si svolgerà nel capoluogo sabaudo dal 23 al 30 aprile all’Ideal Cityplex e all’Ambrosio Cinecafé. Tra le anticipazioni, spicca la retrospettiva dedicata al troppo trascurato regista teatrale e cinematografico napoletano Giuseppe Patroni Griffi, scomparso nel 2005. Si potranno vedere sia il suo esordio del 1962, Il mare con Umberto Orsini e Françoise Prévost, che il più noto e censurato Metti una sera a cena di sette anni dopo con Florinda Bolkan e Jean-Louis Trintignant.

La sezione Europa Mon Amour è dedicata ai peplum all’italiana mentre in Voice Over 4 verrà evidenziato l’eclettismo tra cinema, teatro e letteratura di Filippo Timi. La sezione Music & Movie Icons è invece dedicata a trent’anni di musica inglese queer, dal ’79 a oggi.

Tra gli eventi preannunciati, un premio speciale allo spagnolo Ventura Pons, la presentazione dei film preferiti da Ferzan Ozpetek e il cinexcursus Stonewall: da Judy Garland a Harvey Milk (ricordiamo che il film di Gus Van Sant, dopo le 8 nominations agli Oscar, è il favorito dei Glaad Media Awards che verranno annunciati il 28 marzo a New York).

Non mancheranno omaggi a pioggia all’autore spagnolo Adolfo Arrieta, all’algerino Guy Gilles, alla poetessa australiana Dorothy Porter e alla serie tv saffica Sugar Rush. Al timone, come sempre, l’inossidabile direttore Giovanni Minerba.

Leggi   Ani Zonneveld, l'imam donna che sposa i gay: “Il Corano non mente”
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...