IL COMPLESSO DEL TIMIDO

di

Un lettore diciannovenne: "Essere gay non è un problema. E' che non riesco a farmi degli amici". E la Jena: "Ti dirò: le persone che arrossiscono, mi piacciono,...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
810 0

Ciao Fabio
stamani ho visitato il sito gay.it e ho letto la lettera di un ragazzo che è + o – nelle mie stesse condizioni…
io sono un ragazzo di 19 anni e vivo in un paesino piccolo, ho scoperto da diversi anni di essere omosessuale, e fosse per me io credo lo accetterei senza problemi…ma ho un difetto secondo me grande, ed è quello della timidezza…sono timidissimo, non ho amici (se non quelli della classe con cui neanche esco la sera), insomma non sono un tipo “estroversissimo”, almeno finche non conosco le persone. Finora non ho mai avuto esperienze di nessun tipo (né di sesso, né di baci) e sogno spesso di averne. Da qualche tempo frequento delle chat di gay ma quello che cerco è un’amicizia discreta e disinteressata con qualcuno, e non sesso (questo lo specifico sempre alle persone con cui parlo)…ho conosciuto diverse persone (in chat è molto difficile lo so trovare gente seria, però comunque l’ho conosciuta) e tra le tante c’è stato 1 ragazzo veneto che mi ispira fiducia, ed è stato l’unico a cui ho mandato la mia foto…di + non sono andato! Nessuno sa di quello che sono, a parte queste poche persone con cui ho un’amicizia virtuale (e solo con 1 ho un’amicizia veramente bella)…a volte vorrei gridarlo al mondo, liberarmi di questa cosa che ho dentro ma per diversi motivi non lo faccio:
1) come diceva quel ragazzo nella sua mail vivo in un paese piccolo in cui la gente ti emargina;
2) i miei genitori: mia madre non ha nulla contro i gay, una volta disse che secondo lei sono le persone + belle del mondo se vai a vedere… a dire il vero + volte ho pensato che lei forse immagina qualcosa di me, ma non ne sono sicuro…ad esempio se capita l’argomento e io sto davanti, capisce che mi sento in imbarazzo e non ne parla tanto cerca di cambiare argomento, oppure quando abbiamo visto LE FATE IGNORANTI di Ozpetek io l’ho visto da solo e lei l’ha notato ma non ha detto nulla per fortuna; mio padre invece se vede un ragazzo gay o una coppia in tv non fa che disprezzare “guarda quei ricchioni!” e non è una cosa che ti fa stare su col morale… anche se a volte lui ha detto che il suo non è odio e disprezzo, però da come parla…
3) la 3 ragione per cui ho paura (a dire, a incontrare persone) è che ho paura che qualcosa possa distrarmi troppo dallo studio, e adesso voglio assolutamente finire la scuola (quest’anno faccio gli esami), e quindi devo fare di tutto x passare gli esami…non voglio finire la scuola, per me significa la libertà! ehehe e ho paura che il dirlo, l’incontrare gente mi “colpisce” tanto da distrarmi troppo… lo so questa forse è una cosa scema ma quello che ora voglio è finire la scuola e penso che una volta finita troverò il modo per dirlo, e dico spesso ai miei amici di classe che “spaccherò il mondo” loro capiscono tante cose probabilmente, ma il vero senso di quella affermazione nessuno lo capisce 🙂
ok spero di averti fatto capire la mia situazione gradirei una tua risposta…la aspetto!!!! rispondi appena puoi
Angelo (preferisco non mettere il mio nome reale, anche se è simile)

caro Angelo – o come dir si voglia…. – non credo assolutamente che tu abbia bisogno di una risposta! tantomeno da me. Mi sembra che tu abbia molto chiara la situazione. E allora perché invece ti sto rispondendo? mi chiederai (ed effettivamente me lo sto chiedendo anch’io..) Credo perché attraverso la tua lettera posso rispondere a molti altri che, come te, mi hanno scritto dichiarandosi timidi e credendo che questo stato sia eterno, grave e drammaticamente “invalidante”.
Comincerei con il dire che un pò di timidezza, per me, ha il suo fascino. Sarà perché io non sto mai zitto (!) ma vedere delle persone che ti guardano, ti ascoltano in silenzio, abbassano gli occhi e a volte arrossiscono, mi piace, eccome. Certo questo non deve essere l’unico modo di “comunicare”. Bisogna anche sforzarsi di fare un passo verso chi ci sta parlando (o chi tenta di parlarci) Altrimenti questa timidezza può anche essere letta come strafottenza, alterigia. Per quanto ti riguarda però Angelo – o come dir si voglia… – credo sia solamente inesperienza. Vorrei ricordarti che hai solo 19 anni e che vivi in un paesino, cosa che sicuramente, vista la tua indole, non ti aiuta ad aprirti. ma non credo dipenda dal luogo dove vivi. La gente stronza (come quella splendida!) la si trova nei paesini, nelle grandi città, in montagna, al mare, al lago… Ripeto sempre che con il tempo (che varia da persona a persona!) tutto si aggiusterà. E poi anche tu hai deciso alcune priorità nella tua vita. Mi piace molto il fatto che tu voglia terminare gli esami in pace, senza “distrazioni”. Io ti capisco pienamente. Se mi piace qualcuno non riesco a lavorare, mangiare, bere , dormire, pensare, ecc ecc!! Hai però un punto in più a tuo favore, caro Angelo – o come dir si voglia… – sto parlando dell’appoggio di tua madre. Si caro Angelo – o come dir si voglia… – il comportamento di tua madre farebbe proprio pensare al fatto che lei abbia capito tutto. Certo ancora non ne avete parlato, ma potrebbe dipendere da tante cose. Forse aspetta che tu faccia la prima mossa (vedi? spetta sempre a te fare un passo…) o più semplicemente non sa da che parte cominciare, o ha paura di ferirti, chi lo sa! Certo è che ne ha già parlato con tuo padre, però. Certo! rifletti: Tuo padre era solito parlare dei gay come di “ricchioni”. Cosa purtroppo che spesso molti fanno così per sport, anche senza voler per forza offendere. Giusto come un modo di dire, un intercalare…orrendo ma vero. Però tuo padre ultimamente aggiunge che il suo non è disprezzo, non è odio…strano no? perché queste precisazioni? evidentemente “qualcuno” gli ha fatto notare che queste sue uscite potrebbero ferire una persona molto vicina….Ahh le mamme! Fatti forza di questo! cerca di parlare con tua madre. Vedrai troverai in lei un’alleata che nemmeno ti immagini! E con questa sicurezza in più, il blocco della tua timidezza, piano piano si allenterà. E allora veramente potrai spaccare il mondo!! Un bacione Angelo – o come di si voglia…
FABIO

di Fabio Canino

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...