Il film con James Franco cancellato per le minacce terroristiche

di

L'uscita di The Interview era prevista per Natale, ma Sony Picture ha ritirato il film

3739 0

Non lo vedremo nelle sale cinematografiche, The Interview, il film con James Franco e Seth Roger. Sony Pictures ha ceduto alle minacce di presunti cyber terroristi che avevano minacciato attacchi alle sale che avessero proiettato la pellicola. Perché? Perché il film ironizza su Kim Jong-Hun, il giovane quanto sanguinario dittatore nordcoreano. Il film non uscirà a Natale (quando era atteso il lancio) né sulla TV ondemand né altrove. E sono anche spariti tutti i riferimenti al film dal sito di Sony Pictures, a scanso di equivoci. Nei giorni scorsi, molti proprietari di cinema avevano fatto sapere di avere cancellato il film dalla programmazione. Poi, ieri sera, l’annuncio di Sony: The Interview è cancellato.

Nel film Franco e Roger interpretavano il ruolo di un conduttore televisivo e del produttore del programma che tentano di mettere a punto un piano per eliminare proprio il dittatore nordcoreano. Un affronto che un regime totalitario come quello di Kim Jong-Hu non è disposto a sopportare, neanche in versione cinematografica.

Sulla vicenda è intervenuto anche Obama che ha dichiarato che “la gente deve continuare ad andare al cinema” e che l’amministrazione statunitense sarà molto “vigile” sulle minacce ricevute per via del film.

Nei giorni scorsi Sony Pictures è stata oggetto di un pesante attacco informatico che ha provocato una vera e propria emorragia di dati personali, sia dei dipendenti che dei dirigenti e degli utenti dell’azienda. E ora gli investigatori indagano sulla possibilità che dietro quell’attacco ci sia proprio il governo nordcoreano.

Leggi   Torino, rischio chiusura per lo storico festival LGBT Lovers?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...