INGENUITA’ E PERVERSIONE

di

Gay.it vi mostra alcune sequenze del film "Midnight dancers", ritratto sensuale e disincantato del mondo dei go-go boys filippini, ragazzi "normali" che ballano e si prostituiscono per uomini...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Video del film per 56K (800Kb)

Video del film per ISDN/ADSL (3000Kb)

Per visualizzare i video è necessario avere Microsoft Media Player

Sonny è un ragazzo normale, uno studente bravo, ma sfortunato, che, a causa delle scarse risorse della famiglia, è costretto a tornare a casa, dai suoi due fratelli, dal padre quasi sempre assente per via delle sue amanti, e, soprattutto, dalla sua amata madre.

Sonny è un ragazzo ^Snormale^s, che torna nella sua famiglia ^Snormale^s che, come tutte le famiglie normali filippine, non ha quasi di che vivere. Ed è per questo che i ^Snormali^s fratelli di Sonny hanno da anni intrapreso la carriera di ballerini e prostituti nel locale bar gay.

A Sonny, così, non resta altro da fare se non seguire le orme dei fratelli, e cercare di guadagnare qualche soldo improvvisandosi amatore con uomini decisamente più esperti di lui.

"Midnight Dancers", ha vinto il premio della giuria del Festival di Torino del 1994 è un film splendido, nelle immagini e nei contenuti, ricco di sorprese e di ragazzi bellissimi

(soprattutto per gli amanti del genere "asian") ma soprattutto è un film in cui ciò che sembra inammissibile persino in occidente, scopriamo che è accettato quasi senza nessun problema nelle Filippine, dove la necessità spinge a comportamenti, anche sessuali, che altrimenti resterebbero forse sopiti. E il lavoro da go-go boys dei fratelli di Sonny, che li pone comunque in una situazione di emarginazione, solo in casi estremi incontra l’intolleranza, mentre è perfettamente accettato persino dalla buonissima mamma, che non sa fare a meno di aiutare, seppur con i suoi scarsi mezzi, chiunque le chieda aiuto.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...