Intervista doppia: Luca e Claudia

di

Gay.it ha incontrato i due protagonisti del film 'Diverso da chi?', in tutte le sale proprio a partire da questa sera. Luca Argentero e Claudia Gerini si scagliano...

1345 0

Indipendentemente da quali saranno gli incassi al  botteghino, il film è già un successo. ‘Diverso da chi’ ha infatti messo d’accordo proprio tutti: Arcigay e Cei

C.G : Non volevamo compiacere nessuno, ma siamo felici che non abbia dato ‘fastidio’ alle associazioni gay e che non sia stato considerato diseducativo da quelle cattoliche. Merito del garbo con cui è stata raccontata la storia, tra l’altro molto divertente. Un film che ha suscitato grande interesse. Tutte le anteprime finora sono state affollatissime.

L.A : Questo successo non mi sorprende, anzi lo trovo abbastanza dovuto, visto il rispetto e l’estrema delicatezza con cui è stato trattato il tema dell’omosessualità, se vuoi anche in maniera divertente. Nessuno aveva la pretesa di mettere in discussione temi sociali così delicati.

Il film ha cercato di evitare, sono parole dello sceneggiatore Fabio Bonifaci, di non cadere nello stereotipo del gay convertito. Più in generale, quali sono gli stereotipi più ricorrenti del mondo gay, secondo voi?

C.G: I gay visti come persone frivole, dalla personalità estrema, e che pensano solo all’estetica ed alla moda.

L.A.: Un conto è utilizzare la sessualità dei personaggi per arricchire la messa in scena, un conto è esagerarli. Qualsiasi cosa, dai movimenti dei personaggi alla postura, è stata studiata in modo da non cadere appunto negli stereotipi più comuni che riguardano il mondo omosessuale. Gli stereotipi che sono stati utilizzati per Piero, il personaggio che interpreto, sono l’attenzione allo stile, il piacere delle piccole chicche, e la vanità soprattutto. In questo caso sono stereotipi comunque riconducibili a delle qualità, che non hanno alcuna valenza negativa.

Altro obiettivo del film è quello di ribaltare i criteri di normalità e diversità. Qual è la tua definizione di normalità?

C.G: La normalità è tutta relativa, è essere fedeli a se stessi, non essere guidati da nessun’altro. Il concetto di normalità è talmente ampio che è impossibile ridurlo ad unica definizione o riferirlo ad un solo campo.

Che tipo di coppia è quella di Piero e Remo, interpretata da lei e Nigro?

L.A.: È una coppia molto onesta che riesce a strutturare la propria sessualità nella società, in politica, nell’arcigay, come nel mondo universitario. Una coppia che non ha paura di mostrarsi liberamente. Il  personaggio che interpreta Claudia è una donna bacchettona, una centrista, moderata intransigente, una falsa perbenista che, dopo anni di astinenza sessuale, si butta tra le braccia di un Argentero gay.

Quanto è stato difficile calarsi nei panni di questa donna così rigida?

C.G: Difficile appunto somigliarle nelle sue rigidità, nel suo essere conservatrice. Mentre l’ho sentita più vicina a me nelle sue debolezze e nelle sue fragilità. Una donna che come lei non può avere figli prova un grande dolore. In questo suo dramma, da donna, mi sono avvicinata al personaggio. Per fortuna sono madre, ma posso immaginare cosa voglia dire non riuscire a generare una nuova vita. E’ stato bello vederla cambiare nel corso del film, vedere come Adele da prigioniera della sua rigidità si sia poi liberata e lasciata andare.

Luca, lei ha dichiarato che la laicità dello stato è messa spesso a dura prova nel nostro paese…

L.A.: Più che messa alla prova, la laicità non è sempre garantita. In teoria dovrebbe esserlo, lo dice un articolo della Costituzione. Per un anno ho vissuto in Spagna e lì le cose sono diverse. Non mi sembra che ci siano paesi europei dove si viva peggio di noi, nonostante non abbiano il nostro problema di accettazione o meno del mondo omosessuale e dei suoi diritti.

Leggi   Basta attori macho per i supereroi: Ezra Miller bacia un fan al Comic-con

Claudia, lei ha partecipato alla puntata che "Porta a Porta" ha dedicato al mondo omosessuale. È stata fortemente e sorprendentemente dalla parte dell’universo gay in un contesto scandalosamente fazioso e schierato contro i gay, a partire dal conduttore Bruno Vespa per finire ad una tale Dott. Rossi che ha sostenuto che l’omosessualità, in quanto devianza, si può curare…

C.G.: C’è chi mi ha chiesto di scendere in politica dopo quella partecipazione. Ma un’idea del genere è lontana da me. Comunque sono davvero rimasta atterrita da quell’ipocrisia così incallita e cieca, a dimostrazione che l’Italia non è un paese libero. Viviamo in una realtà prettamente maschilista. Non mi aspettavo che ci fosse ancora qualcuno che avesse delle idee da Medioevo. Sulle teorie del Dott. Rossi dico solo che va benissimo se c’è una terapia che aiuta le persone ad uscire da una condizione non voluta e che sta stretta. Ognuno è libero di ricorrere alla terapia per diventare ciò che ama e vuole essere, non nego questo. Ma non bisogna ricondurre questo discorso all’omosessualità. È davvero assurdo. Ma possibile che si faccia difficoltà a pensare al mondo gay come normalità, come una delle tante sfaccettature della normalità? L’omosessualità esiste da sempre. E’ nata con l’uomo!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...