JARMAN, ESTETA MILITANTE

di

Dieci anni fa moriva a Londra di Aids il grande regista di "Sebastiane" e "Caravaggio", uno dei pochi registi gay dichiarati e impegnati. Il ToGay lo ricorderà con...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Dieci anni fa, il 19 febbraio del 1994, moriva a Londra di Aids il grande Derek Jarman. Uno dei pochi, veri, registi gay ‘militanti’ (come Rosa von Praunheim, guarda caso suo coetaneo), parola ora vista con gran sospetto dai propugnatori di ambigue etiche ‘normalizzatrici’. Jarman seppe dare uno scossone a un’Inghilterra ingabbiata dal rigido thatcherismo che voleva mettere a tacere gli omosessuali con la nefasta ‘Clause 28’, una legge che impediva qualsiasi propaganda e diffusione della cultura gay.

“Un ribelle in una nazione di endemico conformismo, un visionario irrimediabilmente sincero” lo definì David Robinson. Seppe provocare, disturbare, scuotere dalle fondamenta un cinema, quello inglese, troppo spesso accademico, formalista e calligrafico attraverso una sensibilità gay fortemente legata alle radici storiche e culturali del suo Paese di cui mise sempre in luce le contraddizioni. Seppe rivoluzionare un genere insabbiato come la cinebiografia rinnovandone il linguaggio e i codici, raccontando finalmente senza pudore l’omosessualità di personaggi storici come Caravaggio, Edoardo II, Wittgenstein e sapendo creare raffinati quadri barocchi in cui si innesta beffarda la modernità (i militi romani che giocano a fresbee in ‘Caravaggio‘, il Gay Pride che irrompe tra l’aristocrazia reale in ‘Edoardo II‘, l’alieno verde che disserta di filosofia nella stilizzata scenografia brechtiana di ‘Wittgenstein‘).

Esteta dell’immagine, purista del colore grazie alla grande esperienza come pittore (uscì dalla Slade School e i suoi quadri vinsero molti premi) fu un grande sperimentatore del mezzo cinematografico, girando persino videoclip per artisti gay o filogay come i Pet Shop Boys (‘It’s a sin’, ‘Rent’) e gli Smiths (‘The Queen is Dead’, ‘Ask’) ma anche Bob Geldof e gli Easterhouse.

Fu uno dei primi registi ad ammettere di essere sieropositivo in una storica intervista a Berlino nel 1988 in cui dichiarò: “me lo posso permettere, sono in una condizione di privilegio: tutti i miei amici che si sono ammalati di Aids hanno perso il lavoro, alcuni sono disoccupati da quattro anni”. Il suo esempio contribuì non poco allo sdoganamento del coming out nel cinema e alla battaglia contro l’intolleranza verso i gay alimentata dal silenzio e dalla reticenza.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...