L’ALTRA METÀ DELL’AMORE

di

Sbarca in Italia "Hedwig - la diva con qualcosa in più", musical-cult che ha spopolato in USA e GB. Storia di un ragazzo che diventa donna per realizzare...

747 0

Avete nostalgia di film-mito come il Rocky Horror, Jeffrey o Priscilla? Preparatevi al delirio: arriva il film che ha scatenato il pubblico gay e non solo di tutto il mondo. E’ stato – ed è tuttora – uno dei più grandi successi del teatro musicale americano, è stato messo in scena a Boston, Los Angeles, Seattle, Colonia e Londra e presto arriverà a San Francisco, Toronto e Berlino: in poche parole, non poteva non diventare un film di successo. Che il 16 novembre uscirà finalmente anche in Italia.

"Hedwig – la diva con qualcosa in più" è un musical? E’ un film in costume? E’ un film drammatico? D’azione? E’ una commedia sentimentale? Un thriller romantico? Difficile definirlo: certamente è un’opera degna di superare il successo dei miti del passato e di installarsi nei cuori del pubblico gay con una prepotenza entusiasmante. All’origine di "Hedwig – la diva con qualcosa in più" c’è la ricerca dell’amore, spiega uno dei suoi autori, John Cameron Mitchell: "Cercare l’altra metà di noi stessi, cercare la completezza o l’appagamento o una sorta di pace interiore e accettazione, è un qualcosa che va oltre l’esperienza personale e arriva all’universale", questo il concetto alla base dell’opera, che trae anche ispirazione dall’idea, contenuta nella filosofia platonica, secondo la quale in origine le persone avessero due paia di braccia e di gambe e due volti che spuntavano da una testa gigante, finché Zeus non li aveva divisi con il suo fulmine. L’amore è dunque il sentimento che si prova quando si incontra la metà mancante.

Questa è la storia che la madre di Hansel, ragazzino tedesco, narra al figlio una sera: da quel giorno in poi Hansel decide di ritrovare l’altra sua metà. E la possibilità di realizzare quel sogno arriva quando un soldato americano di nome Luther, dolce e tenero come uno zuccherino, gli confessa di amarlo, di volerlo sposare e di volergli far attraversare il muro per condurlo in America, la terra degli uomini liberi. Ma per sposarsi, Hansel deve sottoporsi ad un intervento per cambiare sesso.

Con la benedizione di sua madre, ma con riluttanza, accetta. Dopo pochi anni, si ritrova a vivere in un camping a Junction City, nel Kansas. Luther la lascia per un altro ragazzo e mentre Hedwig assiste all’abbattimento del muro di Berlino, sente che la sua vita deve svoltare. Complice un set strepitoso di parrucche, torna a quello che aveva sempre amato: la musica americana. Forma un gruppo e sopravvive facendo la babysitter e lavori saltuari. Un giorno incontra il diciassettenne Tommy, aspirante cantante, che diventa il suo amante e protetto. Lei gli insegna tutto sul Rock and Roll e gli dà il nome d’arte di Tommy Gnosis. In seguito Tommy la abbandona, le ruba le canzoni e diventa una famosa rock star.

Hedwig, amareggiata per l’ennesimo abbandono, sbarca il lunario cantando la sua storia ai clienti di piccoli ristoranti sparsi per gli Stati Uniti, con l’obbiettivo di vendicarsi di Tommy e riprendersi le sue canzoni. Proprio quando ormai ogni speranza sembra persa, le arriva la grande occasione di riscossa….che la ricongiungerà anche seppur brevemente a Tommy in un lieto fine che lascia aperte molte possibilità…

Autori di questo indimenticabile show, sono John Cameron Mitchell (sceneggiatura, regia e interprete di Hedwig) e Stephen Trask (musiche e lyrics). I due iniziarono ad elaborare il progetto teatrale originale su di un aereo, dove entrambi avevano deciso di non guardare il film che veniva proiettato. Da questa collaborazione nacque "la cantante universalmente sconosciuta" Hedwig, che fece il suo debutto a New York per la serata punk rock dei travestiti in un locale club rock. Nacque un gruppo di fan quasi immediatamente e con esso la necessità di un ritrovo più ampio. Quando Mitchell e Trask spostarono la produzione in un teatro del West Village, le celebrità arrivarono in massa, e con loro le apparizioni negli show serali in Tv, le interviste sui rotocalchi, e soprattutto richieste per lo spettacolo da tutto il mondo.

Un successo di questo tipo non poteva non trovare una casa cinematografica che si offrisse per portare l’opera sul grande schermo. E’ quello che è successo con la Killer Films, che ha prodotto anche il vincitore del Premio Oscar Boys Don’t Cry. Premiato con il premio del pubblico come miglior regia al Sundance Film Festival, con il Teddy come Miglior film al Festival di Berlino, Gran Premio della Giuria, Premio della Critica e Premio del Pubblico al festival di Deauville, Premio del Pubblico al san Francisco Film festival e premio come Miglior Attore al Seattle Film Festival, "Hedwig – la diva con qualcosa in più" arriva finalmente in Italia: Gay.it vi presenta in esclusiva il trailer, alcuni Mp3 della colonna sonora e la galleria fotografica (clicca qui). Preparatevi al delirio!

Leggi   Torino, rischio chiusura per lo storico festival LGBT Lovers?

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...