LESBOMAMME E TECNOTORTURE

di

Cannes 2002: Frances McDormand nella commedia bisex "Laurel Canyon". Isabelle Huppert gemella lesbica e violenta, Beatrice Dalle tra i gay, Connie Nielsen fetish.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


CANNES – E’ l’ora delle lesbomamme. Dopo il successo al Togay di ‘A mi madre las gustan las mujeres‘ e la mamma saffica islandese di ‘101 Trasgressioni‘ anche Cannes 2002 si adegua a questo personaggio finora trascurato da sceneggiatori poco attenti alle combinatorie sessuali.

Nell’applauditissima e divertente commedia presentata alla Quindicina dei Registi ‘Laurel Canyon‘ (foto) della regista lesbica americana Lisa Cholodenko (‘High Art‘) il ruolo della protagonista è affidato intelligentemente alla strepitosa attrice americana premio Oscar per ‘Fargo‘ Frances McDormand, moglie del regista Joel Coen, presente in sala, biondiccia, un po’ invecchiata e salutata alla fine del film con una sfrenata standing ovation del pubblico. Il boscoso Laurel Canyon è dove abita Jane, una mamma hippy bisex compositrice di rock che si trova a ospitare il benpensante figlio psichiatra Sam (il tenebroso Christiane Bale di ‘American Psycho‘) e la sua fidanzata Alex (Kate Beckinsale), studentessa a modino di genetica molecolare. In casa staziona permanentemente, tra creative sedute in studio e movimentati party alla mescalina, una composita comune di rockettari tra cui l’amante della madre Ian – il bellissimo Alessandro Nivola, dal vivo ancora più fascinoso – con l’hobby di star nudo in piscina. Durante una di queste feste ci scappa un umido triangolo tra mamma, amante e fidanzata del figlio: seguiranno pentimenti, rivelazioni, rivalse. Nel frattempo lo psichiatra tradito dalla sua stessa madre verrà sedotto da una bellissima collega israeliana (Natasha McElhone). Gran divertimento e finezze recitative per un film dal cast assolutamente rilevante che potrebbe portarlo dritto dritto nelle sale italiane anche grazie alla formidabile interpretazione della McDormand (impagabili il suo sguardo dolente e la sua provocante alternatività un po’ offuscata dal tempo).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...