Luxuria: un coro di felicitazioni

di

Ferrero la vorrebbe candidare alle europee. Arcigay: «Il mondo dello spettacolo può e deve dare il suo contributo». Grillini: non dimentichiamo chi soffre. Il movimento transessuali: Felici ma...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1260 0

Luxuria candidata alle elezioni europee? Per quanto mi riguarda sì. Il segretario di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero (in foto) lo ha dichiarato al quotidiano online Affaritaliani.it precisando che la vittoria dell’ex parlamentare all’Isola dei famosi non ha una valenza politica «ma nel senso di modelli umani sì». Nel day after sono tutti d’accordo sulle valutazioni di quella vittoria. Anche il quotidiano Liberazione che tanto l’aveva criticata per la sua partecipazione al reality. Ha fatto la cosa giusta scrive il direttore dalle pagine del giornale comunista.

Secondo Simona Ventura la trans piu’ famosa d’Italia è «entrata in gara come trasgressiva ma ha dimostrato di non esserlo». Grazie alla sua presenza «molto coraggiosa in un Paese come il nostro, siamo riusciti a parlare – fa notare la conduttrice – di fobie e manie importanti». La sua vittoria, in questo senso, è «una lama che – sottolinea Simona – affonda nel burro dei pregiudizi del nostro paese».

«La nostra felicità è tanta.» afferma Aurelio Mancuso presidente nazionale di Arcigay (in foto). «Vladimir Luxuria ha vinto meritatamente L’Isola dei Famosi e questo rappresenta un fatto importante, una svolta storica nel costume del nostro Paese, che salutiamo con grande soddisfazione». «In queste lunghe settimane di programmazione del reality – aggiunge Mancuso- l’abbiamo convintamente sostenuta perché sapevamo quanto fosse importante che una persona transgender potesse competere per vincere una trasmissione popolare. A Vladimir vogliamo trasmettere il nostro affetto e ringraziarla per aver dimostrato, anche in questa occasione, come la coerenza e combattere per i propri e altrui diritti di civiltà e di libertà può essere compreso, a dispetto di tanti luoghi comuni, da una vasta opinione pubblica.» «In un momento difficile per il Paese – conclude Mancuso – , e quindi anche per le battaglie del movimento lgbt, primeggiare in un programma di intrattenimento può donare quel sorriso e quella fiducia necessari a proseguire nel nostro complicato percorso.» Ma un ringraziamento va anche alla conduttrice:«Simona Ventura ha sempre difeso la presenza nel programma di Vladimir con generosità e simpatia. Anche il mondo dello spettacolo può e deve dare il suo contributo affinché questa Italia sia migliore».

Marcella Di Folco, presidentessa del Movimento Italiano Transessuali (in foto) ha detto a Gay.it di aver esultato alla notizia della vittoria di Vladimir Luxuria. «Sono felicissima perché significa che Vladimir si pone in un modo tale che riscuote la simpatia della gente» ha detto la Di Folco. «La gente è con lei e la società civile le battaglie che lei porta avanti sono quelle che la società civile è pronta a sposare. È riuscita a coivolgere anche la cittadinanza di Foggia come dimostra l’intervista del sindaco di Foggia andata in onda durante la puntata dell’Isola dei Famosi di ieri sera.»  In merito alla metà della vincita in denaro (100 mila euro) che Luxuria ha dichiarato di voler devolvere all’Unicef, Marcella di Folco ha dichiarato: «Pensavamo che Vladimir devolvesse qualcosa anche alle associazioni transessuali ma forse presa alla sprovvista ha pensato solo all’Unicef. Anche se non arriveranno soldi per le transessuali bisognose – ha concluso la Di Folco – quella dell’infanzia è comunque una causa nobile alla quale donare del denaro.»

Leggi   Leyna Bloom, la modella transgender che vuole sfilare per Victoria's Secret

Per Franco Grillini «nonostante le proibitive condizioni di vita sull’isola Luxuria ha parlato a milioni di italiani di transessualità, lotta al pregiudizio e all’omofobia.» Ma «per una trans che vince purtroppo non dobbiamo dimenticare le migliaia che soffrono tragedie quotidiane. Ieri notte è stata uccisa, con una coltellata al cuore, una transessuale a Roma, e stanotte, a Milano, un’altra è stata ferita. Rimane quindi la necessità e l’urgenza di una legge contro l’omofobia e la transfobia

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...