OGGI SPOSI, DOMANI NEMICI

di

Al cinema nel weekend, la commedia al vetriolo con George Clooney e Catherine Zeta-Jones, degli inarrivabili fratelli Coen. E poi Will Simth in Bad Boys II e Haber...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Questo matrimonio s’ha da vedere. Arriva venerdì nelle sale italiane ‘Prima ti sposo, poi ti rovino‘ dei fratelli Coen, commedia romantica virata in acido con la coppia di superdivi George Clooney e Catherine Zeta-Jones.

Sì, proprio la moglie di Michael Douglas, che prima di sposarsi ha fatto firmare al futuro marito un contratto per assicurarsi una lauta buonuscita in caso di rottura del legame e che qui interpreta Marylin, una bellona che va a caccia di prede straricche per poi abbandonarle dopo averle spolpate ben bene. George-culetto-d’oro (che quest’estate ha invitato nella sua splendida villa sul lago di Como proprio i coniugi Douglas) è invece Miles Massey, apprezzato divorzista di Los Angeles che però s’innamora proprio di Marilyn e rischia di cadere nella sua ennesima trappola. Una screwball comedy dalla sceneggiatura ‘blindata’ che a Venezia ha fatto furore (ma lo sgraziato titolo italiano non rende l’Intolerable Cruelty, la ‘crudeltà intollerabile’ dell’originale) ed è stato definito dagli stessi registi, vera garanzia di qualità del film,

il secondo capitolo della ‘trilogia dell’idiota’ dopo ‘L’uomo che non c’era‘ il cui bravo protagonista Billy Bob Thornton interpreta qui il ruolo sopra le righe di un tycoon fuori di testa che organizza un surreale matrimonio in stile cowboy.

In alternativa esce un bizzarro film italiano, ‘Scacco pazzo‘ di Alessandro Haber che è anche il protagonista, in uno di quei ruoli a lui particolarmente congeniali: interpreta Antonio, un ragazzo disturbato che soffre di regressione infantile a causa della morte della fidanzata e obbliga il fratello (causa involontaria della tragedia) a travestirsi da donna e fargli da madre e da fidanzata.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...