SESSO, SPIE E BUGIE

di

Una settimana di sfrenata passione ai Caraibi e poi la rivelazione: "non posso più vederti, lavoro per i servizi segreti". E alla jena viene da ridere...

939 0

Carissima Iena ho deciso di scriverti questa lettera dopo che ho letto le risposte che hai dato nelle scorse settimane. La tua simpatia mi ha ispirato fiducia, tanto da volerti confidare questa mia avventura…

Sono appena tornato da una crociera nei caraibi dove ho conosciuto un ragazzo che mi sembrava molto adatto a me. Anche lui Italiano, molto simpatico in vacanza con un’amica americana. Ci siamo conosciuti il primo giorno di navigazione perchè eravamo seduti allo stesso tavolo al ristorante. In un primo momento credevo che l’amica fosse la sua fidanzata, ma poi mi confidò che erano solo amici. La notte dopo la discoteca, complici tre cuba libre di troppo, mi riaccompagnò alla mia cabina e..ne uscì solamente la mattina dopo. La settimana che segui fu una di quelle esperienze sessuali (e non solo!) che da sempre sognavo. Io, non proprio giovanissimo credevo che queste cose accadessero solo nei film porno, ma invece stava accadendo proprio a me!

Alla fine della crociera, mi chiedevo che sarebbe successo al nostro rientro in Italia. Il problema, credevo io, fosse solo la distanza: lui vive a Roma io a Torino. Ma in realtà nell’aereoporto in attesa del volo di rientro mi confida che è un agente dei servizi segreti e che quindi una volta rientrato in Italia non avrebbe più potuto vedermi! immaginati la mia reazione! una doccia fredda ! io che già sognavo week -ends di passione nel mio chalet di montagna…

Non ha voluto nemmeno lasciarmi il suo telefono, ma si è preso il mio, per motivi di sicurezza, dice..

Ho cercato di farmi dire qualcosa di più dalla sua amica, ma era come parlare con i muri..

Adesso a distanza di giorni mi manca veramente. Non mi ha ancora chiamato ed io sto impazzendo! che devo fare!?

Daniele

Carissimo Daniele, sarò sincero. Al limite della crudeltà.

Secondo me non stai impazzendo, ma sei già impazzito!!! Ma come si fa a credere ad un mitomane che dopo una settimana di grande sesso, se ne esce con una mega cazzata come quella dei servizi segreti!! Erano anni che non sentivo di persone che usavano scuse così tanto idiote quanto improbabili!! Ma la cosa , secondo me veramente folle, è il fatto che tu ci abbia creduto! Ho cancellato..per pudore l’anno della tua nascita, ma alla tua età oramai non si dovrebbe più credere alle favole, permettimi!

Capisco che l’imperversare delle fictions e di soap operas abbia in qualche modo "influito" anche sulla tua (debole?) psiche ma che addirittura tu mi scriva questa avventura in maniera così romanzata tanto da far invidia a Liala…veramente mi sembra troppo. Pensa che se la tua lettera non fosse arrivata direttamente a me, stenterei a credere che ancora oggi ci siano persone che credono agli asini che volano…..

Ma secondo te uno che è veramente dei servizi segreti te lo viene a dire a te? a te che ha conosciuto da una settimana? una settimana di passione, per carità, ma sempre una settimana!!!

Non ti ha lasciato perchè i servizi segreti, per contratto nazionale del lavoro, non possono scopare, ma ti ha lasciato perchè di te non ne voleva più sapere punto e basta!! Non credo sia stata la prima volta che una tua avventura si sia risolta con una serie di bugie…non ti è mai capitato di conoscere qualcuno (bellointelligentesimpaticosensibile..) che appena usciti dal locale dove vi siete conosciuti ti da il suo numero di telefono. Falso.

Segui il "consiglio" di Lorenzo il Magnifico (che spero tu sappia non è un personaggio di Vivere…) – beata giovinezza che si fugge tuttavia…chi vuol esser lieto sia! del doman non v’è certezza!!-

Daniele, adeguati al mondo in cui vivi, esci di casa, frequenta gente vera, divertiti e non credere a tutto quello che ti dicono! non voglio essere cinico a tutti i costi ma se continui così finirai per credere che il matrimonio di Paolo Limiti e Justine Mattera era un matrimonio d’amore!!!

Con simpatia ma anche con meraviglia, tanta meraviglia!

Fabio

di Fabio Canino

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...