TOGAY TRA PORNO E PLATINETTE

di

Cinema gay a Torino dal 21 aprile. Confermati titoli attesi come 'Tropical Malady'. Una sezione dedicata all'hard. Tra gli ospiti Léa Pool, John Waters, Ivan Cattaneo e Golinelli.

4407 0

TORINO – È confermata la presenza di Léa Pool al 20° Festival Gay di TorinoDa Sodoma ad Hollywood‘ (21-28 aprile) che si preannuncia come l’edizione più ricca e variegata degli ultimi anni.

Alla regista canadese di successi di critica come ‘Emporte-moi‘ e ‘L’altra metà dell’amore‘, abile narratrice di storie intimiste spesso incentrate su rapporti famigliari conflittuali, sarà dedicato un omaggio curato da Rike Merighi in cui si potrà vedere il primo lungometraggio della Pool, ‘La femme de l’hotel‘ e il corto ‘Rispondetemi‘ del film collettivo ‘Montréal vu pars‘ firmato da autori di pregio come Egoyan, Denys Arcand e Patricia Rozema.

La serata inaugurale del festival sarà interamente dedicata al grande John Waters che, presentato da una Platinette il cui confronto col mito di Divine sarà inevitabile, introdurrà il suo nuovo film ‘A dirty shame‘, ruspante commedia con Tracey Ullman e Chris Isaak incentrata sulla rinascita sessuale di una casalinga di Baltimora dopo un incidente automobilistico. Durante la serata è previsto un intervento del giovane gruppo dei Negramaro reduce da Sanremo.

Tra i film in concorso grande attesa per il bellissimo ‘Mysterious Skin‘, intenso e febbricitante nuovo film di Gregg Araki e per ‘Tropical Malady‘ di Apichatpong Weerasethakul, Premio della Giuria a Cannes 2004 in sala dal giorno dopo la fine del Festival distribuito dall’Istituto Luce. Anche il lesbico ‘My Summer Of Love‘ di Pawel Pawlikowski (‘Last Resort‘) sull’amore appassionato di due sedicenni dello Yorkshire uscirà nelle sale tradizionali il 12 maggio grazie a Fandango.

Tra le curiosità una sezione sul cinema hard gay dal titolo ‘Porno Visions‘ con l’intrigante HMCL (Hot Men Cool Boys) di Knud Versteskov, di cui si dice benissimo, prodotto dalla Zentropa dell’eccentrico Lars Von Trier e ‘Cycles of Porn – Sex/Life in L.A. Part 2‘ del tedesco Jochen Hick.

Non mancherà un omaggio a Giuni Russo con la proiezione di ‘Napoli che canta‘, un film muto del 1926 su Napoli girato dal padre di Sergio Leone Vincenzo (in arte Roberto Roberti) accompagnato dalle più belle canzoni della tradizione napoletane reinterpretate dalla Russo.

Nelle sezioni laterali spicca un programma di videoclip con la collaborazione di MTV Brand:New a cura di Alberto Doveil e uno speciale di corti israeliani curati da Tal Shanny. Tra i libri presentati anche il nuovo di Alessandro Golinelli ‘Le rondini di Tunisi’ (Tropea) e di Platinette ‘Tutto su di me’ (Sonzogno). Serata di chiusura con ospiti quali Ivan Cattaneo e H.E.R. presentata da Vladimir Luxuria e Fabio Canino a cui seguirà la commedia lesbica statunitense ‘Connie e Carla‘ di Michael Lembeck con Nia Vardalos e Toni Collette nei panni di due cabarettiste di Chicago che fuggono a Los Angeles dopo essere state testimoni di un omicidio mafioso e iniziano una nuova carriera come drag queen. Nel cast anche la star di X-Files David Duchovny.

Clicca qui per dire la tua sul Togay 2005 nel forum Cinema

Leggi   Per la prima volta un ‘madrino’ al Festival di Venezia: è Alessandro Borghi
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...