Sono HIV+ e non l’ho detto al mio partner: credo di averlo contagiato. Che responsabilità ho?

di

Ho avuto un rapporto non protetto con un partner occasionale e non l'ho avvisato del mio status: ora lui è sieropositivo. È colpa mia?

CONDIVIDI
82 Condivisioni Facebook 82 Twitter Google WhatsApp
10632 5
10632 5

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

Vi volevo fare una domanda ma preferirei non rivelare il mio nome. Sono hiv+ ormai da otto mesi, per ora vivo bene ho iniziato la terapia ecc ecc, solo all’inizio è stata un po dura. Purtroppo pero mi è successa una brutta cosa: sono stato a letto con un conoscente e dopo ho scoperto, dopo alcuni mesi, che anche lui è diventato positivo da alcuni amici che me l’hanno detto… Io a lui non glielo avevo detto che sono hiv+, non sono tenuto! Il problema è che forse gliel’ho passato io visto che abbiamo fatto tutto senza condom… io ho qualche responsabilità penale o legale per non averglielo detto che ero hiv+? ora ho i sensi di colpa e non so che fare. aspetto una vostra risposta…ciao

Carissimo,

il tuo quesito è molto delicato e spero, in queste poche righe a mia disposizione, di essere chiara e puntuale.

Innanzitutto, la Giurisprudenza (ovvero i criteri stabiliti dai Giudici nell’applicazione della legge relativamente a casi analoghi al tuo) è concorde nel ritenere che la condotta di chi contagia il proprio partner tacendogli di essere affetto da sindrome da HIV, integra il reato di lesioni personali gravissime dolose.

Si parla in questo caso di lesioni dolose e non colpose in quanto, se il soggetto affetto da sindrome da HIV è consapevole delle proprie condizioni di salute, con il rapporto sessuale non protetto accetta la possibilità di un eventuale contagio.

Qualora si accerti, quindi, che il contagio sia avvenuto come conseguenza diretta dei vostri rapporti sessuali e, se come leggo dalle tue parole, tu abbia volontariamente taciuto la tua condizione di salute ed esposto il tuo partner al contagio, si configurerebbe il delitto di lesioni gravissime (con dolo eventuale).

Come affermi se è pur vero che non vi sia alcun obbligo di legge che impone di avvisare il proprio partner circa le proprie condizioni di salute (relativamente al virus dell’ HIV come per altre patologie), la condotta di chi omette di segnalare al proprio partner le proprie condizioni di salute e/o non adotti le opportune precauzioni volte a prevenire un possibile contagio, può essere valutata alla luce dell’elemento psicologico del reato (dolo o colpa) come sopra ti illustravo e, quindi, come sintomo di una scelta consapevole e volontaria di un (possibile) contagio.

Sono ben consapevole della delicatezza del quesito e ti invito, quindi, a scrivermi, qualora tu abbia ancora delle perplessità.

Un cordiale salutoA cura dell’ Avv. Barbara Indovina, dello studio legale Berti/Ginosa

VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

lavvocato-lo-sa_banner

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...