Sposati in Spagna, vogliamo tornare in Italia: quali diritti perdiamo con la legge Cirinnà?

di

"L'avvocato lo sa" è la rubrica legale con cui gli avvocati di Gay.it rispondono ai vostri quesiti. La storia di una coppia che perderà alcuni diritti pur di...

CONDIVIDI
36 Condivisioni Facebook 36 Twitter Google WhatsApp
1986 0
1986 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

Ciao siamo Luca e Antonio, stiamo insieme da sei anni e due anni ci fa ci siamo sposati in Spagna. Abbiamo vissuto lì fino ad ora, portando avanti le nostre rispettive attività lavorative. Tutto è andato sempre bene, nessuno… (…) Ora il punto è che vorremmo tornare in Italia, perché appunto Luca ha avuto questa offerta di lavoro e io Antonio posso spostarmi ed entrambi avremmo sinceramente piacere a tornare nella nostra terra.

 

Ma non abbiamo ancora capito questo, nonostante moltissimi articoli sul web. Registrandoci come unione civile con la legge Cirinnà, cosa dobbiamo aspettarci? Perderemo dei diritti rispetto a quelli che abbiamo qui in Spagna? Se sì, quali? Probabilmente non rinunceremo a tornare in Italia, però vogliamo essere coscienti di cosa perdiamo, se perdiamo qualche diritto… Dite che dobbiamo chiedere a un avvocato?

Cari Luca e Antonio,

Leggi   Coppia gay friulana corona il sogno di genitorialità negli USA: due gemelli per i neo papà

il Legislatore italiano con la Legge n. 76 del 2016 ha volutamente differenziato il matrimonio, riservato esclusivamente alle coppie eterosessuali, dall’unione civile, alla quale possono accedere unicamente le coppie omosessuali.
La scelta dell’ordinamento italiano di prevedere due differenti istituti a seconda del sesso delle coppie pone in risalto un’evidente discriminazione.
Le differenze tra i due istituti non sono solo lessicali e formali ma anche e, soprattutto, sostanziali.
Infatti, nella legge sulle unioni civili non si adoperano termini quali celebrazione e pubblicazione del matrimonio, coniugi, sposi, marito, moglie e così via, ma si utilizzano termini come dichiarazione, specifica formazione sociale, parte dell’unione civile e così via.
Considerato lo spazio alquanto angusto di questa rubrica, posso solo evidenziarvi la differenza più eclatante e che consiste nell’espressa esclusione per coloro che si sono uniti civilmente di poter adottare un bambino e nella mancata previsione di adottare il figlio del partner (c.d. stepchild adoption).
Quindi, tornando alla vostra domanda, l’unione civile non è attualmente come il matrimonio: dobbiamo attendere che o i giudici a colpi di sentenze o il Legislatore arrivino ad eguagliare i due istituti.

Leggi   Perché non esistono parole specifiche per insultare le lesbiche?

A cura dell’ Avv. Giuseppe Enrico Berti, dello studio legale Berti/Ginosa

VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

lavvocato-lo-sa_banner

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...