Siamo uniti civilmente. Se muoio la mia pensione va a lui?

di

"L'Avvocato lo Sa" è la rubrica legale con cui gli avvocati di Gay.it rispondono ai vostri quesiti.

CONDIVIDI
134 Condivisioni Facebook 134 Twitter Google WhatsApp
5473 0

VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

Buongiorno,

abito nel comune di Rimini dove mi sono unito civilmente con il mio amico. Sono più vecchio di lui di 20 anni e ho una pensione dello Stato. In caso di mia morte – ho avuto un linfoma nel 2015, poi curato – la mia pensione va al mio amico o no? Ho sentito dire che solo le unioni celebrate all’estero vengono registrate dal nostro Stato e sono pagate le pensioni, non nel caso di unioni italiane.

Grazie, Giovanni

 

Caro Giovanni,

la legge 76 del 2016 (c.d. Cirinnà) ha esteso alle parti unite civilmente i diritti in materia pensionistica e quindi anche per quanto concerne la relativa reversibilità. Come noto, tali diritti erano in precedenza riservati esclusivamente ai coniugi e con la menzionata legge sono stati estesi anche agli uniti civilmente.

Pertanto, puoi tranquillizzarti in quanto le notizie che hai reperito in materia non sono esatte.

A cura dell’ Avv. Giuseppe Enrico Berti, dello studio legale Berti/Ginosa

VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

lavvocato-lo-sa_banner

Leggi   Indagine Amnesty: per l'86% degli italiani i gay devono avere pari diritti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...