ANGELI GAY A MILANO

di

Una mostra per mettere le ali all'arte: è l'iniziativa nata dal gruppo g.art che inaugura domani alla LibreriaBabeleGalleria. Opere proposte da artisti comuni sul tema del sesso degli...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
527 0
527 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO – L’arte puo’ essere dalla “parte dei gay”, ovvero utile o utilizzata dalla comunita’ gay-lesbica-bisessuale-trans per motivi estetici piuttosto che politici, quindi “di parte”? Con questo presupposto, un gruppo composto dal proprietario di una libreria gay, un artista, un critico d’arte, un pubblicitario e un attivista del movimento gay si e’ confrontato a pranzo a Milano una domenica dello scorso ottobre. Ne è nato un gruppo che ha preso il nome di Gruppo g.art. E la prima risposta che questo gruppo ha dato al quesito iniziale, e’ la mostra collettiva “Angeli” in esposizione presso la LibreriaBabeleGalleria, in via San Nicolao n°10 a Milano dal 6 dicembre 2003 al 6 gennaio 2004, organizzata intorno alla domanda se un angelo abbia un orientamento sessuale o un’identita’ di genere.
Una replica composta coralmente da piu’ di cinquanta opere di lesbiche, gay ed eterosessuali, tutti artisti che da molte parti d’Italia hanno raccolto l’invito lanciato dai cinque. Sculture, fotografie, dipinti, computer graphic, stampe, readymade, disegni e interpretazioni che, in totale liberta’, si librano dall’iconografia piu’ classica alla sua totale opposizione.
«Usare l’arte a fini sociali e politici o fare politica in modo artistico permette un vastissimo raggio d’azione – commenta il Gruppo g.art – Aspettiamoci quindi che g.art, con il suo pay off “Arte di parte”, diventi un marchio sinonimo di offerte culturali-ricreative-politiche glbt il piu’ possibile a 360 gradi. Un impegno finalizzato a parlare di tutte/i noi a tutte/i, aperto alla condivisione e alla contaminazione, dentro e fuori gli schemi».
«Un ringraziamento speciale e di cuore – concludono i cinque del g.art – a tutte le persone che con il loro contributo e supporto hanno permesso la realizzazione di questo evento, primo di una lunga serie che coinvolgera’ un numero sempre piu’ ampio di artisti e di ambiti».
Il Gruppo g.art è composto da Gianni Delle Foglie, Aru (K), Roberto Borghi, Paolo Prossen, Marco Albertini.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...