BALLANDO TRA UOMINI

di

E' a Milano il Balletto Muzskoj, compagnia interamente composta da maschietti che padroneggiano anche le tecniche più "femminili". Teatro misogino? Piuttosto riflessione sul maschio.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
534 0
534 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO – Nell’ambito del Festival del Teatro d’Europa, “Omaggio a San Pietroburgo”, sabato 11 ottobre, al Teatro Strehler (ore 19.30), si apre il sipario di “Man &”, divertissement coreografico firmato dal Balletto Muzskoj.
Nato nel 1992 per iniziativa di un grande protagonista della danza russa, Valery Mikhailovsky, il Balletto Muzskoj (letteralmente “Balletto maschile”) di San Pietroburgo rappresenta un “caso” nel mondo della danza internazionale. E’infatti una compagnia composta interamente da uomini capaci di declinare al maschile, con professionalità e ironia, tutti i ruoli tradizionali della danza classica – anche quelli che comportano la padronanza della tecnica delle punte, femminile per antonomasia – e di inventare nuove suggestioni coreografiche.

Il programma presentato a Milano, “Man &” traduce questa duplice natura. Complice l’inventiva coreografica di Andrei Ivanov, che si è aggiudicato la definizione di “Bob Fosse russo”, la prima parte della serata – “Man &” – è una suggestiva sequenza di “paesaggi” emotivi (felicità, irritazione, paura, stupore, indifferenza, eccitazione), tratteggiati con maestria in un melting pot stilistico che non risparmia incursioni nel mondo del music-hall.
Lo spettacolo offre una miscela di tutti i possibili ritmi e stili – dal tango alla break – di futuristiche soluzioni coreografiche che inaspettatamente si stemperano in una composizione armonica e compiuta, con prologo, epilogo e con un intreccio di temi.

“Non mi sentirei di definire lo stile dello spettacolo – dichiara il coreografo – “di racchiuderlo in precise cornici di definizioni. Lo stile è umore, stato d’animo, sentimento del mondo, è come ci percepiamo, è la nostra energia”.
Nella seconda parte dello spettacolo, in omaggio alla tradizione del “grand ballet” russo, il Balletto Muzskoj presenta “Oh those chefs d’oeuvres”, un divertissement che associa “pezzi di bravura” come il Pas de quatre, su musica di Pugni, all’ adagio da Shéhrazade con coreografia di Fokine e il Pas de deux del Don Chisciotte alla danza russa coreografata da Gorsky.

Teatro Strehler – dall’11 al 15 ottobre 2003
Balletto Muzskoj
diretto da Valery Mikhailovsky
produzione Valery Mikhailovsky, in collaborazione con Marilla Simonini srl
Orari: martedì e sabato ore 19.30; lunedì e mercoledì ore 20.30; domenica
ore 16.00.
Durata: Primo Tempo 45’, Secondo Tempo 45’; Intervallo 30’.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 02 72 333 222
www.piccoloteatro.org
prezzi: platea 35 euro – balconata 27 euro

di Marco Volante

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...