Buon Compleanno Elsa Morante

di

Autrice di capolavori assoluti, Elsa Morante nacque il 18 agosto 1912: ecco un breve ritratto per celebrarla.

5145 0

Morì il 25 novembre 1985, la più grande scrittrice italiana del Novecento. Narratrice geniale e senza precedenti, Elsa Morante fu una donna profondamente libera e poco incline al compromesso, dal temperamento impetuoso e dai giudizi netti, assoluti. Piena di amici ma in fondo profondamente solitaria, fu per molti anni la moglie Alberto Moravia e la grande amica di Pier Paolo Pasolini e Luchino Visconti. Rabdomante della scrittura, si muoveva al confine tra poesia e magia, realtà e allucinazione, dando vita nei suoi meravigliosi libri a uno stile unico e indimenticabile. Ecco il ritratto di Elsa Morante, magica signora della letteratura italiana.

SEGRETI D’INFANZIA

Nacque a Roma il 18 agosto 1912, sotto il segno del Leone, figlia di una maestra di scuola ebrea e di un impiegato delle poste. Alla nascita venne però riconosciuta da Augusto Morante, il marito della madre, sorvegliante al riformatorio per minorenni. Crebbe nel quartiere popolare Testaccio e per motivi di salute non frequentò la scuola, imparò a casa a leggere a scrivere. Sin da giovanissima scrisse poesie, filastrocche, fiabe e racconti. Dopo il liceo si iscrisse all’università ma la interruppe,
disse, “per conoscere la vita”. Andò a vivere presto da sola, mantenendosi dando lezioni private, scrivendo tesi di laurea e pubblicando articoli e piccoli racconti su giornali e riviste, firmandosi spesso con pseudonimi maschili. Nel 1936 conobbe il grande scrittore Alberto Moravia: si sposarono nel 1941 ma la loro relazione fu tempestosa, a tratti violenta, fatta di continue separazioni e riavvicinamenti. Insieme si nascosero per mesi sulle montagne, vivendo in una capanna, per
sfuggire ai fascisti. Si separeranno nel 1961, senza però mai divorziare.

I CAPOLAVORI DI UNA MAGA DELLA PAROLA

Quella della Morante è un lingua preziosa, ispirata, magnetica, portatrice di uno sguardo inconfondibile. Il primo libro di Elsa fu una raccolta di racconti giovanili, Il gioco segreto, pubblicato nel 1941. Nel 1948 uscì Menzogna e sortilegio il grande romanzo in cui la protagonista, Elisa, alter ego della Morante, rievoca, chiusa nella sua stanza, in una sorta di delirio allucinato, la storia tragica misteriosa della sua famiglia. Nel 1957 uscì poi L’isola di Arturo, il romanzo con cui vinse il premio Strega, che ha per protagonista un ragazzino che vive sulla meravigliosa isola di Procida (Napoli), alla prese con la bellezza e il dolore delle prime esperienze di vita. Nel 1968 pubblicò Il mondo salvato dai ragazzini, una raccolta, una sorta di canzoniere, che univa poesie, testi teatrali (pare ispirati alla sue sperimentazioni con LSD e altre sostanze psichedeliche) e favolette morali. Fu poi il tempo del grande successo internazionale: nel ’74 uscì La Storia, il romanzo dal sapore neorealista in cui si racconta la struggente storia della maestra Ida e dei suoi due amatissimi e sfortunati figli, dispersi in una sorta di moderna odissea in una Roma devastata dai bombardamenti, all’epoca della seconda guerra mondiale.

INCANTESIMI, MADRI, GATTI E ILLUSIONI PERDUTE

Il grande tema che attraversa i libri di Elsa Morante è il rapporto magico ma complicato tra immaginazione e realtà, il modo in cui sogni e speranze alterano la percezione delle cose. Anche nel contesto della guerra, del lutto o della fine di un amore le fantasie, i sogni o spesso le allucinazioni emotive dei personaggi moltiplicano il senso di ciò che viene percepito. Elsa era ossessionata dalla domanda su come ciò che è assente – perché non c’è più o non c’è mai stato – può influenzare la realtà delle cose e questo tema fu anche alla base della sua idea di arte: “Ricordare come l’opera si è vista in uno stato di sogno, ridirla come si è vista, cercare soprattutto di ricordare. Ché forse tutto l’inventare è ricordare”. Elsa per la sua lingua e le sue storie traeva spunto, oltre che ovviamente dalla sua stessa vita, dai racconti popolari, dalle superstizioni, dalle dicerie e dalle leggende di paese, ma anche dalle grandi narrazioni spirituali e religiose, dai simboli, dalle allegorie, dall’esoterico. La figura della maga, della fattucchiera, dell’incantatrice abile e bugiarda ricorre spesso nei suoi libri, innanzitutto come personaggio ma in fin dei conti un po’ come auto-rappresentazione di se stessa. L’amore per Elsa è sortilegio, condizione sublime ma dolorosa, è l’impossibilità di afferrare l’amato, che fugge, o resta troppo poco, ma lascia i suoi segni sulla mente dell’amante, che spesso impazzisce o muore di dolore. E lo stesso vale per l’amore materno: tante sono infatti le madri dei romanzi della Morante, madri di una maternità complicata e simbolica. Madri mitiche, bellissime, leggendarie eppure sempre in qualche modo altere, sprezzanti, troppo prese da se stesse o dagli eventi, troppo fragili per poter salvare i figli o almeno proteggerli
dalla ripetizione dei stessi loro errori. Molti anche gli animali che affollano i romanzi della Morante, animali pensanti o almeno apparentemente tali, figure incantate, che spesso sentono e capiscono più degli esseri umani. Presenze completamente affettive, delicate, commuoventi, come il gatto Alvaro di Menzogna e sortilegio o i cani che compaiono ne La storia.

PASOLINI E IL CINEMA

Elsa Morante ebbe molte amicizie importanti: radunò attorno a sé un gruppo un scrittori e artisti con cui condivideva la vita e l’attività creativa. Oltre al sodalizio sentimentale e esistenziale con Moravia, Elsa ebbe una relazione ambigua e tormentata con Luchino Visconti, di cui probabilmente fu innamorata. Amicizia fondamentale fu poi quella con Pier Paolo Pasolini: i due si conobbero verso la metà degli anni ’50 e si frequentarono assiduamente, organizzando anche viaggi insieme, come quello memorabile nel ’61 in India. Elsa amava molto il cinema e la vicinanza di Pasolini le consentì di coltivare a lungo questa sua passione. Aveva già scritto alcuni progetti con Alberto Lattuada e con Franco Zeffirelli e aveva cominciato a tenere in radio una rubrica di critica cinematografica. Da amica di Pasolini, seguì da vicino il suo lavoro cinematografico: comparve in un breve cameo in Accattone del 1961 e lo seguì sui set dei film degli anni ’60. Grande appassionata di musica (amava moltissimo Mozart, ad esempio) curò le colonne sonore di alcuni dei capolavori pasoliniani, Il vangelo secondo Matteo e Medea. Inoltre i suoi stessi romanzi a volte
sono diventati dei film: L’isola di Arturo, nel 1962, fu diretto da Damiano Damiani mentre La Storia divenne uno sceneggiato tv nel 1986, diretto da Luigi Comencini, con Claudia Cardinale nel ruolo della maestra Ida.

Leggi   Trans uccisa a Roma, domenica la commemorazione all'Eur

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...