DODI E IL SESSO DIPERSO

di

Teatro: risate e gayezza nel Bevabbè di Dodi Conti

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


In Borderline Blues ha raccontato la storia di una generazione che vive sul filo del rasoio, regalandoci due pezzi cult, come la guida pratica all’omosessualità e l’inno alla vecchiaia. Sempre in teatro, ha interpretato un Cirano al femminile tutto versi e poesia. Dai più è invece conosciuta per la sua partecipazione alle trasmissioni televisive Macao e Tutti gli zeri del mondo. Di chi sto parlando?… No, no è un quiz (anche se è il mio sogno poterne condurre uno!!)

Sto parlando di Dodi Conti, eclettica autrice comica ed attrice, che ha appena debuttato a Roma con Bevabbè, stand-up comedy scritta a quattro mani con Paola Mammini. Un nuovo viaggio ironico attraverso identità sessuale in crisi. Cosa può accadere ad una donna che decide di abbandonare la sua vita omosessuale, soddisfacente fino al quel momento ma troppo trendy, troppo di moda, per provare una nuova esistenza eterosessuale al quel punto diventata la vera novità, la vera trasgressione per Dodi?

La faccenda assume i toni ed i colori di una originale, maldestra divertente, imbarazzante iniziazione! Più che una scoperta del variegato, confuso e conosciuto per sentito dire… universo maschile (eterosessuale, ça va sans dire..) si trasformerà in una vera e propria educazione sentimentale senza esclusione di colpi, sorprese, ripensamenti, incidenti di percorso, con quel giusto mix fatto di piacevoli fatalità e un pò di sfiga. Viene messa nel mezzo Natalia Aspesi (adoro!!) presa come punto di riferimento dei sentimenti del nuovo millennio espressi con tanto di prologo impegnato e di sinistra sulla posta del cuore del Venerdì di Repubblica… "Cambia solo questo rispetto alla più casereccia posta del cuore di Donna Letizia!" osserva Dodi.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...