DUE VITE A FUOCO

di

Al cinema e a teatro arriva "Benzina", storia d'amore e morte tra la borghese Lenni e la sbandata Stella. Dal romanzo di Elena Stancanelli, in scena l'amore lesbico...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
533 0
533 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA. Il romanzo di Elena Stancanelli, "Benzina" racconta una storia d’amore e morte travolgente, una storia di donne e tra donne. Tanto travolgente che ne sono state fatte due riduzioni, una per il cinema e una per il teatro. Il film "Benzina" è previsto nelle sale cinematografiche entro il mese di aprile, mantre a teatro Daniele Falleri ne ha tratto una pièce che debutta al Colosseo di Roma il 18 aprile, e rimarrà in scena fino al 12 maggio. Praticamente in contemporanea, sul palcoscenico e sul grande schermo, il romanzo d’esordio della scrittrice fiorentina Elena Stancanelli farà ancora discutere.

Lenni e Stella (sul palcoscenico: Elodie Treccani e Loredana Cannata, in foto; al cinema: Maya Sansa e Regina Orioli) hanno poco più di vent’anni e gestiscono un distributore di carburante. Stella è cresciuta lì, in mezzo all’odore inebriante della benzina e alla generosità rozza dei camionisti. Lenni invece viene da una famiglia borghese dove regna la convenzione e l’ipocrisia.

Da tre anni vivono insieme in questa loro oasi felice. Lenni, ormai cresciuta, decide di comunicare alla madre il suo amore per Stella. La madre (in teatro Cinzia Mascoli, nel film Mariella Valentini), fingendosi comprensiva, raggiunge la figlia per riportarsela a casa. Ne scaturisce un furioso litigio fra Lenni e la donna. Stella interviene in difesa della ragazza che ama e in un impeto di rabbia fracassa la testa alla madre con una chiave inglese.

Lottando contro l’angoscia e la rabbia le due ragazze cercheranno per tutta la notte di ingegnarsi per far sparire il cadavere e continuare il loro amore di sempre.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...