L’arte di Elmgreen&Dragset: ragazzetti e nostalgia
alla fine del party

di

Elmgreen&Dragset ci portano con malinconia attraverso ciò che rimane del luogo dove tutto è iniziato, ma ormai è tardi e la festa che fu è già finita.

3712 0

Le opere del duo artistico composto da Michael Elmgreen e Ingar Dragset si posizionano al crocevia di diverse dimensioni creative. Attivi sin dal 1995, i loro lavori mescolano l’architettonico all’artistico, secondo un processo che vede lo stesso spazio espositivo trasformarsi in ambientazione scenica. Tutto, nel loro mondo, viene esposto ad un processo di rielaborazione – un dislocamento che trova la sua eco nelle definizioni moderne e instabili dell’identità e dell’arte stessa. Una delle caratteristiche più evidenti del loro processo creativo è la rivisitazione di luoghi strettamente legati alla comunità omosessuale, trasformati  in denuncia sociale o in background nostalgico in contrasto con la sempre più presente meccanizzazione dei rapporti umani.

Guardiamo ora alcune delle opere più umoristiche, significative ed emblematiche del duo Elmgreen&Dragset:


The Collectors (2009)

Alla Biennale di Venezia del 2009, Elmgreen&Dragset hanno ottenuto l’incarico di curare le esposizioni di ben due padiglioni: quello nordico e quello danese. Ricreando due vere e proprie abitazioni. Nel primo hanno plasmato lo spazio espositivo a dimora di un collezionista – il misterioso Mr. B – dal gusto artistico eccentrico e con una passione per giovani ragazzi.

Schermata 2016-07-16 alle 14.49.02
The Curators, 2009, Biennale di Venezia (Dettagli: Padiglione Nordico)

Nel secondo, le scelte artistiche e d’arredo riportano alla mente una dimensione più famigliare, sebbene dall’aura tesa e dai tratti disfunzionali.

Schermata 2016-07-16 alle 14.47.42
The Curators, 2009, Biennale di Venezia (Dettagli: Padiglione Danese)

Molte sono state le collaborazioni con altri artisti le cui opere sono state usate per rendere al meglio il messaggio che entrambe le abitazioni dovevano convogliare, tra cui Wolgang Tillmans e Simon Fujiwara (per approfondire entrambi gli artisti, clicca QUI).

Schermata 2016-07-16 alle 14.59.01
The Curators, 2009, Biennale di Venezia (Dettaglio: Padiglione Nordico)

In questo caso, la denuncia è rivolta a quel desiderio borghese di accumulare beni al solo scopo di farne sfoggio, plasmando la propria identità in base a quelli. Questa fastosità, tuttavia, viene resa fatua dai risvolti della vita dei proprietari. Da un lato (Padiglione Nordico), Mr. B giace senza vita in piscina, mentre un gruppo di nudi rent-boys girovaga per casa leggendo, ascoltando musica e bevendo cocktail.

Dall’altro (Padiglione Danese), la casa è distrutta e messa in vendita. A poco è servito accaparrarsi così tanti oggetti di lusso: nel primo caso non sono serviti a migliorare una situazione famigliare difficile; nel secondo sono lasciati al giovamento di alcuni ragazzi, il cui atteggiamento tranquillo e rilassato fa presagire un ruolo nella morte del proprietario di casa.


Amigos Sauna (2011)

Prendendo il nome dalla sauna più grande di Copenhagen, Elmgreen&Dragset riproducono uno dei luoghi di incontri sessuali più stereotipati del mondo gay, dove esibizionismo e voyeurismo si mescolano nei vapori delle sue sale sfocate.

Elmgreen & Dragset, Amigos, 2011.
Amigos Sauna, 2011

Prendendosi gioco delle nostre aspettative sociali, il duo di artisti mette in discussione ciò che la galleria e la sauna rappresentano. Se pochi ammetterebbero di essersi recati in una sauna per fare sesso, nessuno ha problemi a dire di aver visitato una mostra d’arte, ma se la mostra in questione è l’esatta riproduzione di una sauna dai tratti omoerotici? 

Schermata 2016-07-16 alle 15.05.34
Amigos Sauna, 2011

Mescolando statue elleniche e romane a dettagli moderni, Elmgreen&Dragset si rimandano agli usi e costumi della Grecia e Roma antica, dove tali incontri sessuali tra uomini erano usuali e comunemente accettati. Il riferimento al mondo classico ci riporta però a tempi ben più vicini a noi, al momento in cui le saune erano diventate capro espiatorio e luogo di proliferazione comunemente accettato di malattie come l’AIDS negli anni ’80 e ’90. I riferimenti allo sviluppo della malattia, infatti, non mancano: il Fauno Barberini è allacciato ad una flebo e un corpo senza vita galleggia in piscina.

Leggi   Tenerife, crolla il pavimento di una discoteca gay: 40 feriti

The Mirror (2008)

The Mirror, 2008
The Mirror, 2008 (Veduta esterna della Galleria Victoria Mirò, Londra)

Di simile impatto e produzione è anche un’altra installazione intitolata The Mirror del 2008, che si presenta come l’esatta riproduzione di un night-club gay in cui la festa, tuttavia, è già terminata. Tutto ciò che rimane sono le conseguenze della notte brava, tra sfere di specchi cadute al suolo, una borsa dimenticata sul divanetto e due ragazzi chiusi in un bagno.

The Mirror, 20089
The Mirror, 2008

Più di ogni altro, è quest’ultimo dettaglio a convogliare la nostalgia che l’opera mette in scena: ironica nella rappresentazione, è la perdita di luoghi sociali in cui fare nuove e tangibili conoscenze ad essere richiamata. In un’epoca in cui gran parte delle relazioni sociali e sessuali prende forma nell’isolamento di un’app, sia questa Facebook o Grindr, Elmgreen&Dragset ci portano con malinconia attraverso ciò che rimane del luogo dove tutto è iniziato, dove abbiamo potuto per le prime volte divertirci senza pensieri, baciare senza giudizi ed essere noi stessi. Ma ormai è tardi e la festa che fu è già finita: siamo esclusi dalla questa perché alienati nella vita reale, preferendo rapporti virtuali a quelli reali.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...