FIGLIO DI UN PRESERVATIVO BUCATO

di

Un fumetto underground di grande qualità, questo di Howard Cruse, tratto da una storia vera autobiografica, piena di sentimento e sensualità.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Per chi non lo sapesse col termine "underground" si indica quel genere fumettistico nato in seno agli anni delle contestazioni studentesche (fra gli anni ’60 e ’70), anticonformista nei tratti e nei contenuti, e spesso contraddistinto da un accento provocatorio e non di rado accusatorio nei confronti della società costituita.

Questo tipo di fumetto è stato spesso messo in ombra da prodotti più "facili" e commerciali, e alcuni lo avevano già dato per morto : fortunatamente volumi come "Figlio di un preservativo bucato" ci ricordano che non è così, e che c’è ancora spazio per quegli artisti capaci di esprimersi in maniera anticonvenzionale, e di realizzare al tempo stesso opere di indubbio valore. Questo è un volume underground sotto diversi aspetti : dall’uso delle laboriose puntinature (che da sole giustificherebbero i quattro anni di "gestazione" dell’opera) all’insolito contesto (gli Stati Uniti razzisti e omofobi degli anni ’60), ma quello che colpisce di più è senz’altro l’intensità emotiva trasmessa dall’autore (Howard Cruse, già collaboratore della rivista gay "The Advocate" e fondatore della rivista "Gay Comix"), che per questa storia si è ispirato a storie di vita vissuta (anche in prima persona).

Toland Polk, figlio di un pastore episcopale, vive una comunissima vita a Clayfield, una qualunque cittadina nel sud degli Stati Uniti : sono gli anni del presidente Kennedy, delle lotte per l’integrazione razziale e degli ipocriti moralismi statunitensi che mascherano profondi disagi sociali.

Toland, inoltre, vive anche un "problema" di natura più personale : sa di essere gay, ma non lo accetta ed è deciso a fare tutto il possibile pur di "correggersi". Alla morte dei genitori inizia una scomoda convivenza con la sorella Melanie e col suo bigotto consorte Orley : fortunatamente Toland fa amicizia con Riley e la sua ragazza Mavis, una coppia decisamente aperta e fuori dalle righe per una città come Clayfield, e la sua vita avrà una prima svolta proprio quando andrà a coabitare con loro.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...