Fumetti gay USA in arrivo anche nella distribuzione italiana

di

Grazie a un accordo col più grande distributore USA, anche in Italia e per pochi euro sarà possibile scaricare i fumetti di interesse gay che nessun editore italiano...

6367 0

In diverse parti del mondo si è costituita da tempo una vera e propria nicchia di mercato per i fumetti a tematica gay, erotici e non, mentre in Italia le iniziative che hanno tentato di promuoverlo si sono rivelate spesso fallimentari, spingendo gli editori del nostro paese a non investire più di tanto in questo settore, almeno fino all’arrivo della Ren Books, che di fatto è la prima casa editrice italiana specializzata in fumetti LGBT.

Le ragioni di questo stato di cose sono tante e complesse, in buona parte legate alla scarsa conoscenza del pubblico gay e delle sue dinamiche da parte degli editori italiani, ma non solo. Basti pensare al problema della collocazione in edicola e in fumetteria: bisogna inserire la tematica gay nella sezione vietata ai minori anche se non ci sono scene di sesso? E se ci sono scene di sesso, e quindi questi fumetti finiscono nella sezione per adulti etero, quante possibilità ci sono che il pubblico gay vada a cercarli lì e sia in grado di notarli?

Inoltre il circuito delle fumetterie italiane, canale privilegiato per i fumetti più alternativi e di nicchia, presenta delle dinamiche abbastanza sfavorevoli per l’affermazione dei fumetti gay. A differenza delle librerie, non ha un servizio di resi: in poche parole i fumetti invenduti rimangono nei magazzini di ciascuna fumetteria, e pertanto chi gestisce questi negozi tende a farsi arrivare le cose che è sicuro di vendere.

Questo meccanismo, soprattutto in tempi di crisi, spinge gli editori a stampare i propri fumetti in funzione del numero delle effettive ordinazioni fatte dalle fumetterie, che si basano in buona parte sulle prenotazioni dei clienti, e così può anche capitare che un titolo annunciato in catalogo non venga stampato se non ci sono ordini a sufficienza. Questo meccanismo ha ostacolato per molto tempo i fumetti gay in Italia, visto che buona parte del pubblico potenziale non aveva il coraggio di esporsi prenotando o ordinando titoli a tematica gay, preferendo attivarsi se e quando il titolo veniva stampato, magari comprandolo in una fumetteria abbastanza lontana da garantirgli l’anonimato. Per fortuna, però, i tempi cambiano, e creare un circuito di vendita diretta, proprio come sta facendo Ren Books, sembra dare buoni risultati.

C’è però un problema supplementare: se qualcuno volesse farsi arrivare un fumetto di interesse gay per cui non è prevista la pubblicazione in Italia dovrebbe comunque rivolgersi in fumetteria, e inoltre dovrebbe spendere un notevole sovrapprezzo dovuto all’importazione e alla dogana. Così, tante cose interessanti pubblicate negli USA, ad esempio, rimangono fuori dalla portata del gay italiano medio, anche se magari non ha problemi a leggere l’inglese.

Ora, però, le cose potrebbero cambiare. Infatti Diamonds, il più grande distributore americano di fumetti, ha siglato un accordo col sito Italycomics per la vendita del suo catalogo di fumetti in formato digitale. Questo significa che, per pochi euro, ora anche in Italia sarà possibile scaricare quei fumetti di interesse gay che nessun editore italiano sembra interessato a pubblicare. Per ora non è ancora possibile scaricare i fumetti del catalogo Diamonds V.M. 18, ma fra gli oltre cinquanta editori a disposizione non mancano i titoli interessanti. Ad esempio è possibile leggere le avventure di Kevin Keller, il primo adolescente gay dichiarato titolare di una propria serie di fumetti, e tutto il catalogo del noto editore gay friendly BLUE WATER, che fra le altre cose ha pubblicato le biografie a fumetti di Madonna e Lady Gaga.

Inoltre ora sarà possibile seguire le vicissitudini dei sempre più numerosi supereroi gay dichiarati in contemporanea con gli USA, il tutto per una cifra davvero irrisoria e bipassando il circuito delle fumetterie italiane. Forse è presto per dire che anche in Italia si potrà creare una vera e propria comunità di gay appassionati di fumetti come è avvenuto negli USA, ma sicuramente l’accesso diretto alle ultime produzioni americane rappresenta un passo avanti.

Per maggiori informazioni andate sul sito https://comics.comixology.com/ret/553/Italycomics_Digital_Store/#

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...