IL DRAMMA DEL GAY EBREO

di

Corrado Pani e Maximilian Nisi portano in scena "Visiting Mr. Green" di Jeff Baron, per la regia di Giorgetti. Storia di un vecchio ortodosso e un givoane omosessuale.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
607 0
607 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


GENOVA – Un anziano ebreo ortodosso con un conflitto interiore vecchio di 30 anni, l’aver ripudiato la figlia. Un altro ebreo, giovane, con un altro dramma personale, la sua omosessualità soffocata e celata ai genitori. Sull’incontro tra i due si sviluppa la commedia “Visiting Mr Green” dall’autore statunitense Jeff Baron (foto sotto), in unica rappresentazione e prima nazionale venerdì al teatro “Vittorio Gassman” di Borgio Verezzi, in provincia di Savona, per la regia di Mario Mattia Giorgetti.

Corrado Pani e Maximilian Nisi sono i due interpreti che si ritrovano a calcare nuovamente le scene insieme dopo il successo di “Billy Bud”.

La commedia, tradotta in sette lingue, è stata rappresentata in una sessantina di produzioni nel mondo: America, Germania, Austria, Israele, Brasile, Australia, Francia, Inghilterra, Sudafrica. Per il teatro Gasmann di Borgio Verezzi, a tre anni dall’apertura, è la prima rappresentazione nazionale.

“E’ un testo intrigante, felice, intelligente. Ce ne siamo tutti innamorati – ha commentato Giorgetti, direttore di ‘Sipario’, presentando lo spettacolo -. E’ un testo che parla di temi che toccano sul piano emotivo, che provoca interrogatori e scossoni nell’animo umano, che affronta questioni tabù”.

Grazie alla scintilla che scatta dall’impatto tra i due drammi ognuno troverà la soluzione. Il tema che ha attratto Giorgetti è quello “dell’egoismo, della forma possessiva dei genitori, del loro desiderio di modellare i figli secondo loro piacimento”.

Corrado Pani, cattolico ma conoscitore della cultura ebraica, è stato invece affascinato dal “rapporto tra un anziano ebreo che ha conosciuto la diaspora e l’olocausto ed un giovane ebreo yuppie che non può capirlo”. Per Maximilian Nisi, che ha scoperto il testo per caso qualche anno fa a Parigi, è “la difficoltà di comunicazione, estremizzata nei personaggi della commedia” a suscitare un interesse particolare.

“Mi piacque tantissimo – ha detto – mi sono documentato ed ho scoperto che era stato rappresentato in 65 Paesi e che a New York ha tenuto per quasi un anno in una sala da 600 posti. Mi sono chiesto cosa facesse nascere tanto interesse”.

Le scene sono di Eugenio Guglielminetti, i costumi di Tiziana Gagliardi. La consulenza yiddish è di Moni Ovadia.

La commedia ha avuto la nomination per il “Drama league best play” negli Stati Uniti nel 1999, il premio Kultur-Preis Europa a Vienna nel 2001 e varie nominations per il “Premio Moliere a Parigi nel 2002.

Fondazione Teatro Italiano “Carlo Terron”
Centro Attori La Contemporanea
Sipario, mensile dello Spettacolo

Presentano

VISITING MR. GREEN
di Jeff Baron
Con
Corrado Pani e Maximilian Nisi
Scene di
Eugenio Guglielminetti
Costumi di
Tiziana Gagliardi
Regia di
Mario Mattia Giorgetti
Realizzazione scenografica di
Angelo Cucchi, Torino
Fotolito
Claudio Zucchi, Torino
Consulenza yiddish
Moni Ovadia
Musiche scelte a cura di
Mattia Sebastiano Giorgetti

“Visiting Mr. Green” è stato originariamente prodotto a new York da Arnold Mittelman e precedentemente prodotto presso il Coconut Grove Playhouse, Miami, Florida

^SPrima Nazionale^s
VENERDI 13 FEBBRAIO 2004, ore 21,15
Cinema Teatro “Vittorio Gassman”

Via IV Novembre
17022 BORGIO VEREZZI (SV)
TEL. 019.610167

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...