L’UOMO GAY E SPOSATO DI WHITE

di

E' uscito "L'Uomo Sposato", il nuovo libro di Edmund White. Quarto romanzo di un'autentica "Recherche" gay.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
586 0
586 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Parigi, fine anni 80. Austin è un cinquantenne professore universitario americano. Si trova in Europa per scrivere un importante saggio sul mobilio francese del diciottesimo secolo. Vive in un "delizioooso" appartamento sull’Ile Saint Louis, uno dei posti più chic di Parigi. Frequenta vecchi amici gay americani molto ricchi, o intellettuali francesi un po’ bohème, ma che fanno mestieri interessanti. Viaggia molto, passa il tempo a telefonare (non si capisce bene quando lavori per il suo saggio) e frequenta una palestra. Lì incontra Julien. Di venti anni più giovane di lui, architetto, molto vecchia Francia, pateticamente alla rincorsa di una insistente aristocrazia familiare, spesso vestito di lino perché è un "materiale nobile", bugiardo, Julien è sposato con Christine: ma sta divorziando, ma stanno ancora insieme, ma non la sopporta più perché è ingrassata.

E’ lui lo sfuggente uomo sposato, "The Married Man" che dà il titolo all’ultimo romanzo di Edmund White pubblicato l’anno scorso in America e Inghilterra e uscito da Baldini & Castoldi.

Perché mai ci si dovrebbe appassionare alla storia d’amore di due personaggi così antipatici e snob? Per esempio perché nella realtà le storie d’amore non fioriscono mai fra personaggi ideali, ma fra uomini di carne e sangue, impastati di slanci ideali e meschinerie. Oppure perché quello fra Austin e Julien è il sincero ritratto di un matrimonio gay, un rapporto di coppia dove, come spesso accade, molte cose restano non dette, sono rimosse. O ancora perché Austin, sieropositivo da molti anni, ma di salute invidiabile, rappresenta la faccia sincera, diretta, fattuale dell’America; Julien il cui passato sessuale rimane poco chiaro, non vuole fare il test dell’Aids, (non crede al circo mediatico che si è sviluppato intorno alla malattia ma è malato), incarna una Europa latina ancora impigliata in mille pregiudizi e ripiegata su se stessa.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...