LA VETRINA DEI LIBRI GAY

di

Già folli per i regali natalizi? Nesusn problema: un libro risolve tutto. Ecco le ultime (e penultime) uscite: dal romanzo inquietante, alle poesie d'amore, fino al saggio sul...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
23358 0

L’allegria per il Natale in arrivo, con l’atmosfera di festa che si respira dovunque, svanisce in fretta se pensiamo ai regali che dovremo fare. È vero ne riceveremo altrettanti, forse. Ma tirare fuori i preziosissimi euro che ogni mese volano via (non si sa dove), quest’anno ci costa più del solito. Un libro può essere la soluzione. Uno o più libri ovviamente.

Di novità interessanti sono pieni gli scaffali. Ecco una breve guida.

Cominciamo dalla narrativa che quest’anno offre molte belle novità.

La neonata casa editrice Nottetempo pubblica «Turbamenti a Willow Gables» (pp. 232, euro 13,00) il delizioso romanzo di Philip Larkin (1922-1985), uno dei più importanti poeti inglesi del Novecento. Il romanzo racconta le storie abbastanza perverse di uno stuolo di ragazze di quattordici anni. Ci sono piccoli delitti, grandi scandali, fughe, amori, corse, punizioni, all’interno del college femminile in cui si svolgono le vicende. Un libro incantevole reso ancora più prezioso dalla traduzione di Masolino D’Amico. Un’insolita sorpresa per chi conosce la poesia di Larkin che qui traspone giocosamente tutta la sua maliziosa ambiguità.

L’editore Fazi propone il romanzo di Jonathan Carroll, «Mele bianche» (pp. 297, euro 12,50) che come al solito intreccia vicende impossibili da riassumere perché complesse e incastonate una dentro l’altra ma tanto coerenti e verosimili da dare forma a una storia appassionante. Le sue trame nascondono una visione profonda e originale della vita e dell’umanità, ideale punto d’incontro tra fantascienza e filosofia. Vincent Ettrich è a cena con la sua nuova ragazza, Coco, quando incontra Bruno Mann, un suo collega che non vedeva da tempo. In quel momento riceve una chiamata che lo mette al corrente della recente morte di Bruno. Vincent ha un tracollo: si trova davanti a un uomo morto? Improvvisamente si sveglia a letto con Coco. Era solamente un incubo. Accarezzandole i capelli, però, nota sul suo collo una strana macchia che non aveva mai visto prima. Avvicinandosi si rende conto che è un tatuaggio, un nome: Bruno Mann.

La casa editrice Tropea mette in libreria il romanzo di Colum Mc Can intitolato «La sua danza» (pp. 346, euro 15,00) che racconta in forma romanzata la vita di uno dei più grandi ballerini della storia, Rudolf Nureiev. La sua arte ha attraversato quarant’anni e tanti mondi: gli orrori della guerra in piccolo villaggio tartaro, la Leningrado degli anni cinquanta e la scuola di ballo di Kirov, le capitali del jet set europeo degli anni sessanta fino alla New York sfrenata dei decenni successivi.

Anche la palermitana Sellerio ha un libro interessante per Natale. Il lungo romanzo di Jaime Bayly, «Non dirlo a nessuno» (pp. 518, euro 16,00) il cui protagonista è Joaquín, un gay cosciente e lieto della sua posizione e teso nello sforzo di affermarla in un ambiente, quello della borghesia latino americana, che oscilla tra il maschilismo più aggressivo e la bigotteria sessuofobica più conformista. La sua sessualità incompresa finisce per essere inconsapevolmente un’arma micidiale che esaspera tutte le contraddizioni in un mondo che ha perso le mediazioni tra miseria e privilegio, tra razzismo e multietnicità. Il simbolo di un sistema maturo ma incapace di far convivere insieme le sue parti diverse.

Mondadori fa uscire un piccolo ma interessante libello che è una critica impietosa e dissacrante del Natale. L’autore è David Sedaris e si intitola «Holidays on ice» (pp. 78, euro 6,80). Si narra del mito del Natale affogato nei consumi, il muto naufragio dei bambini, vittime inconsapevoli dell’insensatezza di questa festa, la surreale crudeltà dei rapporti di lavoro e di famiglia, il vuoto e la solitudine che la finta gioia sotto l’albero non possono nascondere. David Sedaris si è fatto conoscere al grande pubblico con la lettura radiofonica di questo racconto nel quale descrive comicamente le sue disavventure come elfo natalizio in un grande magazzino di New York, Ben presto è diventato una vera e propria star radiofonica e quando questo libro è uscito negli USA, è stato un best seller per molte settimane.

Un’altra novità degna di attenzione proviene ancora dagli Stati Uniti. È il romanzo di esordio di Michael Chabon che Rizzoli ha pubblicato da qualche mese. Si intitola «I misteri di Pittsburgh» (pp. 265, euro 16,00) e ha ricevuto entusiastici consensi da parte dei critici che hanno definito l’autore uno dei più promettenti scrittori della sua generazione. Si racconta del figlio di uno dei gangster più temuti della malavita ebraica di Pittsburgh, e della sua ultima estate come adolescente, dal momento che ha appena terminato i suoi studi al college. Gli fanno compagnia due amici, uno omosessuale e l’altro teppista, e una ragazza. Fra festini esotici a casa di sconosciute, tragiche cene col padre, pomeriggi trascorsi a casa dell’amica, il protagonista scopre in un primo tempo di non conoscere a fondo la propria sessualità e poi di dover affrontare una volta per tutte la storia della sua famiglia e la verità sulla morte violenta della madre.

Fra i molti romanzi italiani in libreria segnaliamo quello di Stefano Benaglia, «Uccelli di pineta» (Libreria Croce, pp. 236, euro 13,00). Il tema principale di questo noir è basato sull’aforisma che spesso la sostanza può essere assai diversa dall’apparenza. Come le persone più malvagie possono nascondere un passato che se proprio non giustifica le loro azioni almeno ne chiarisce i motivi, così ciò che appare immacolato e puro proprio virtuoso non è. Nella Ravenna di oggi si snodano le storie contrapposte ma fatalmente indissolubili di Glauco e Sergio. Sullo sfondo delle incontaminate e peccaminose pinete dei Lidi di Dante e di Classe, i destini di questi giovani si scontreranno trascinando amici, complici e amanti fino al metaforico duello finale che, portato alle estreme conseguenze, trasformerà i vincitori in vinti.

Un altro romanzo italiano lo propone Oltreleparole.net. È di Marcello Nicodemo, «Di lì a poco sarebbe piovuto» (pp. 320, euro 13,50). Narra di Alfredo, un giovane giocatore di pallacanestro dalla sensibilità esasperata e dalla carriera discontinua. Un giorno incontra Marco, un ragazzo da lui molto diverso. I due ragazzi aprono un jazz club a Chieti e col passare degli anni la loro unione diventa fortissima, quasi un inno, appena mormorato eppure potente, alla vita e al suo grande mistero da onorare a tutti i costi.

Nel campo della saggistica vi consigliamo due libri pubblicati da Cadmo e dedicati al cinema. Il primo è di Daniela Pecchioni e si intitola «Il sesso al cinema» (pp. 130, euro 12,00). Si tratta di una breve “passeggiata” nella cinematografia nazionale e internazionale per capire come certi film siano stati davvero “lo specchio dei tempi”, rivelando sensibilità critica del pubblico cui erano destinati e cambiando, talvolta, non soltanto la storia del cinema, ma anche quella del costume, contribuendo a trasformare il comune senso del pudore e influenzando, di fatto, l’evoluzione del linguaggio cinematografico. L’altro è di Roberto Schinardi, «Cinema gay, l’ennesimo genere» (pp. 188, euro 15,00). Il critico cinematografico di gay.it analizza in questo libro l’evoluzione del cinema omosessuale inteso come vero e proprio genere cinematografico, nel quale criteri specifici concorrono a definirlo come tale. Nodo cruciale dell’analisi è l’indagine sulle più recenti modalità di narrazione che sembrano andare incontro a modelli di espressione più edulcorata, più adatta al grande pubblico e rinunciare parzialmente alla trasgressione e alla provocazione tipiche della prima militanza di questo genere di cinema.

Un saggio interessante lo pubblica Kami. L’autrice è Catherine Millot, «Gide, Genet, Mishima: l’intelligenza della perversione» (pp.144, Euro 12,50) che illustra tre grandi scrittori dell’esperienza estrema, ribelli ai canoni della società: Gide il borghese, Genet l’orfano ladro, Mishima dominato dall’idea del sacrificio, tre storie di vite affascinanti, ricostruite con stile narrativo, sulle quali l’opera letteraria getta a sua volta una luce penetrante.

Un tema da non trascurare nemmeno in periodo natalizio è la discriminazione. Amnesty International ci offre l’occasione di riflettere sul problema con un libretto intitolato «Identità negata, la discriminazione sessuale nel mondo» (pp. 32, Euro 3,00) che è una preziosa fonte di informazioni legali e storiografiche sulla triste questione delle discriminazioni nei confronti delle persone omosessuali e/o transessuali. Il libro è suddiviso in capitoli che illustrano i diritti delle donne, i diritti delle persone transessuali, le nazioni dove l’omosessualità è reato, riportando casi più o meno famosi. Un libro creato appositamente per assicurare la protezione dei diritti umani di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. Conoscere i propri diritti è fondamentale ed è ora di reagire ai soprusi.

Fra i libri umoristici, una ghiotta occasione di sorridere ce la offre Lindau che ha dato alle stampe «Il diario della signorina snob» di Franca Valeri (pp. 64, euro 21,00). Arricchito dai simpatici disegni di Colette Rosselli, questo bel volume illustra il celebre personaggio della Signorina Snob, primo di una serie di indimenticabili ritratti di donne che la brava attrice ha inventato e interprato nel corso della sua interminabile carriera. È nato per la radio nel 1949 e ha collezionato una lunga serie di riproposte sempre accolte da grande successo.

Se vi piace la poesia non lasciatevi sfuggire un piccolo ma intensissimo libro che la casa editrice Nottetempo ha pubblicato in questi giorni. Si tratta di «I trentatré nomi di Dio» di Marguerite Yourcenar nella traduzione di Ginevra Bompiani (pp. 32, euro 2,00), un inedito per celebrare il centenario della nascita del premio nobel francese. 32 brevissime poesie e un disegno per dare nome a Dio: momenti e immagini della vita sulla terra, colti in flagrante dall’occhio pietoso e esatto della grande scrittrice.

Un’altra proposta di poesia femminile è quella dell’editore Carocci con l’«Antologia delle poetesse romantiche inglesi», a cura di Maria Crisafulli, (pp. 1202, con testo a fronte, 2 volumi, euro 40,00). Un’edizione importante e preziosa che mette in luce una poesia molto spesso ignorata e dimenticata. Grazie a questi testi si scopre che il Romanticismo inglese non fu solo William Wordsworth o Samuel Taylor Coleridge, ma anche Dorothy Wordsworth, Sara Coleridge e tante altre autrici che interpretarono da un punto di vista particolare le tematiche caratteristiche del movimento letterario.

Sempre in tema di scrittura al femminile, può tornare utile rispolverare il prezioso (ma economico nel prezzo) «Principesse azzurre» che Delia Vaccarello ha curato per gli Oscar Mondadori (310 pagine, 7,80 euro), e che raccoglie racconti imperdibili di tante autrici famose e esordienti, contribuendo a creare un quadro complesso della letteratura lesbica in Italia.

Concludiamo coi classici, di solito molto costosi, ma se il regalo deve essere importante i bei volumi delle opere complete di Pier Paolo Pasolini editi da Mondadori nella collana “I Meridiani” fanno proprio al caso vostro. Ci sono tre diversi cofanetti contenenti 2 tomi (a 98 euro ciascuno) che offrono i suoi scritti «Per il cinema» o i «Saggi sulla letteratura e sull’arte» o «Tutte le poesie» oppure i «Romanzi e racconti», questi ultimi acquistabili separatamente a 49 euro. A questo stesso prezzo si può acquistare il volume dedicato al «Teatro» o quello dei «Saggi sulla politica e la società».

Bompiani offre le «Opere» di Pier Vittorio Tondelli in due distinti volumi (a 15,24 euro ciascuno) curati da Fulvio Panzeri: uno contenente «Romanzi, teatro, racconti», l’altro dedicato a «Cronache, saggi, conversazioni».

Fra i classici possiamo anche annoverare le «Opere» di Giovanni Testori del quale Fulvio Panzeri ha curato quelle composte tra il 1943 e il 1977 pubblicate da Bompiani in 2 volumi (a 16 euro ciascuno). Segnaliamo a opera dello stesso Fulvio Panzeri il libro dedicato alla «Vita di Testori» pubblicato di recente da Longanesi (16 euro).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...