LE MILLE SENSUALITÀ DI LUXURIA

di

L'ex direttore artistico di Muccassassina, canterà sabato 22 maggio all'Auditorium di Milano, "Le chansons de Bilitis", viaggio erotico tra le identità di Afrodite.

558 0

MILANO – Sabato 22 maggio, in una serata di alta musica e spettacolo, all’Auditorium di Milano, Vladimir Luxuria canta Les chansons de Bilitis. Il concerto è una esaltazione della figura di Aphrodite o, per meglio dire, del luogo dove si annidano le radici della sensualità. Sensualità che, partendo dal testo comune di Pierre Louys attraverso la creazione di due raffinati autori quali Claude Debussy e Giorgio Battistelli e trasportata dal suono profondamente intimo di arpe, flauti, celesta e percussioni aeree, converge nella figura di Vladimir Luxuria, che dona alla serata un profumo al limite di un malcelato erotismo.
Il programma si apre con Les Chansons de Bilitis di Claude Debussy, musicate nel 1897 su testi estratti dall’omonima opera letteraria di Pierre Louys, pubblicate nel 1894 con l’indicazione dell’autore “tradotte dal greco per la prima volta da P.L.”. La pretesa traduzione, la più famosa mistificazione letteraria dell’epoca, era preceduta da una prefazione narrante la “Vita di Bilitis”, una cortigiana vissuta nel VI sec. A.C.
Nello stesso anno il Mercure di France iniziò la pubblicazione a puntate del romanzo di costumi antichi Aphrodite di Pierre Louys, ambientato nell’antica Alessandria all’epoca di Berenice, sorella di Cleopatra, che narra la storia dell’amore dello scultore Demetrio e della bella cortigiana Crìside. Su questo romanzo è basata la composizione Aphrodite – Monogramma di costumi antichi di Giorgio Battistelli per vocalista e un ensemble di strumenti. In entrambe le composizioni sarà Vladimir Luxuria a dare vita alla straordinaria e ambigua sensualità dei brani.
Il concerto si conclude, dopo un breve intervallo durante il quale è possibile incontrare gli artisti nel foyer dell’Auditorium, con l’esecuzione de Il motivo degli oggetti di Vetro di Salvatore Sciarrino, la realizzazione musicale di una notte sull’isola di Vulcano.
E’ la prima volta che Vladimir Luxuria partecipa ad un’esperienza del genere: «Le sfaccettature e contraddizioni della mia personalità sono anche nelle mie corde vocali. Nel personaggio di Aphrodite c’è la cortigiana, ma anche la bambina, la madre. La figura della cortigiana alla fine dell’800 veniva nobilmente celebrata nella pittura, nella poesia, nella musica mentre oggi è demonizzata e squallida. Vorrei restituirle il suo aspetto umano attraverso le diverse sfumature del “condominio vocale” che ho dentro di me. Cercherò di emozionare e sedurre il pubblico con il timbro della mia voce che passerà dal registro maschile a quello femminile. E’ una grande sfida …ma le sfide sono la mia passione».
Ad accompagnare Luxuria, ci sarà il gruppo Alter Ego, nato nel 1990, che è riuscito a conquistarsi un posto di rilievo nell’ambito dei gruppi cameristici europei specializzati nell’interpretazione della musica colta del Novecento. Ha al suo attivo numerosi concerti realizzati presso le maggiori associazioni concertistiche in Italia e in Europa. Al programma di Baci partecipano Manuel Zurria (flauto), Paolo Fratini (flauto), Paolo Ravaglia (clarinetto), Lucia Bova (arpa), Anna Maria Palombini (arpa), Oscar Pizzo (pianoforte/celesta), Fulvia Ricevuto, Maurizio Ben Omar e Elio Marchesini (percussioni).
^Ssabato 22 maggio ore 21.00^s
Festival Come to Daddy
quarto appuntamento
^SBaci^s
Claude Debussy
Les Chansons de Bilitis
Giorgio Battistelli
Aphrodite – Monodramma di costumi antichi
^SNotturno^s
Salvatore Sciarrino
Il motivo degli oggetti di Vetro
Voce recitante Vladimir Luxuria
Alter Ego
Sarà presente il compositore Giorgio Battistelli
Auditorium di Milano
Largo Gustav Mahler
tel. 02.83389.201/2/3 (Orari Biglietteria: tutti i giorni dalle 10 alle 19)
Date Concerti
Sabato 22 maggio ore 21.00
Biglietti € 10,00/20,00
Dopo il concerto è attivo il servizio di navetta riservato al pubblico dell’Auditorium, che porta dall’Auditorium (fermata in via Tabacchi) in piazza Duomo.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...