LE NOVITA’ DI APRILE IN LIBRERIA

di

Turi Vasile, Thomas Migge e l'aggiornamento della Spartacus: tutte le novità in libreria nel mese di aprile

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


TURI VASILE, Giòn, Tullio Pironti editore, pp. 151, Lire 22.000

Più che un romanzo, uno sceneggiato televisivo trasferito sulla pagina, con colpi di scena ad effetto e personaggi strani e misteriosi. A cominciare dal protagonista, John (e il titolo del libro è la trasposizione italiana del suo nome), un inglese molto particolare che vive da tempo a Taormina e che attira l’attenzione di un produttore cinematografico (per l’appunto!) il quale ci racconta tutta la vicenda che pagina dopo pagina diventa sempre più complicata. Turi Vasile è bravo a mantenere alta la suspense, cosa che avrà appreso nei molti anni dedicati al cinema (guardacaso come l’io narrante è anche lui un produttore), ma è molto meno abile come narratore. La sua scrittura è scialba e scivola spesso in qualche ingenuità narrativa. E la trama qualche volta divaga al punto che di tanto in tanto nasce spontanea la domanda sul perché di questo romanzo. Forse vuole raccontare dell’impossibilità che a volte gli uomini hanno di esprimere il proprio amore reciproco e quindi di realizzarlo. Ci permettiamo allora di consigliare a Vasile il piccolo capolavoro dell’americana Anne J. Proulx, Gente del Wyoming (Baldini e Castoldi), che in poco più di trenta pagine racconta con straordinaria emozione ed efficacia quello che qui si intendeva esprimere.

Peccato. In mano a un buon regista il soggetto si presterebbe davvero a un bel film per la tivù. Per ora rimane soltanto un romanzo mal riuscito.

THOMAS MIGGE, Può mai l’amore essere peccato, Marsilio, pp. 121, Lire 10.000

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...